Il rapporto annuale del CNI segnala un aumento delle immatricolazioni nelle facoltà di ingegneria.

Il rapporto annuale del Centro Studi del Consiglio Nazionale Ingegneri segnala un aumento delle immatricolazioni nelle facoltà di ingegneria. Gli studi in ingegneria si confermano al primo posto per numero di iscrizioni.

Valuta questo articolo

Il rapporto annuale del CNI segnala un aumento delle immatricolazioni nelle facoltà di ingegneria. Totale 5.00 / 5 2 Voti

Dopo un lungo periodo di flessione, torna ad aumentare la quota di giovani diplomati che si iscrive all’Università scegliendo le facoltà di ingegneria. Si consolidano dunque i segnali positivi emersi nel corso degli ultimi due anni, tanto che la quota di immatricolati arriva a sfiorare, nell’anno accademico 2016/17, il 60% dei diplomati della scuola secondaria superiore.

E’ quanto emerge dal consueto rapporto annuale redatto dal Centro Studi del Consiglio Nazionale Ingegneri (scaricabile gratuitamente cliccando sul link che trovate al termine dell’articolo). Il documento attesta anche che i corsi di laurea attinenti alle materie ingegneristiche si confermano la principale scelta dei giovani, dato che raccolgono oltre il 15% degli immatricolati. Tuttavia viene confermato anche il progressivo declino delle immatricolazioni nelle classi del settore civile-ambientale.

Gli immatricolati nelle facoltà di ingegneria hanno superato complessivamente, nell’anno accademico in esame, 274mila unità, il 5,2% in più dei circa 260 mila dell’anno accademico precedente, di cui quasi 42mila hanno optato per un corso di laurea in ingegneria (nell’anno accademico 2015/2016 erano stati 40.555).

Ma mentre i corsi del settore industriale e dell’informazione continuano a riscuotere un crescente successo (rispettivamente +7,3% e +4,3% di nuovi iscritti), quelli relativi al ramo civile ed ambientale proseguono la fase di flessione. Dopo una crescita prolungata, si è abbassata anche nel 2016/2017 la quota di donne immatricolate ai corsi ingegneristici: per la prima volta negli ultimi 7 anni, sotto il 25%.

Sono questi i principali risultati emersi dall’indagine basata sull’elaborazione dei dati forniti dall’Ufficio statistica del MIUR.

Scarica l'approfondimento
Tutto il bello dell'estate
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.