BIMportale Tour 2018: buona la prima, e intanto ci si prepara per l’appuntamento di martedi 17 aprile a Padova

Il primo appuntamento del BIMportale Tour 2018 svoltosi a Torino lo scorso 23 marzo ha aperto il ciclo formativo di 6 incontri dedicati al mondo del Building Information Modeling! Prossimo Appuntamento, Padova – martedi 17 aprile.

Valuta questo articolo

BIMportale Tour 2018: buona la prima, e intanto ci si prepara per l’appuntamento di martedi 17 aprile a Padova Totale 5.00 / 5 5 Voti

La tensione è inutile negarlo c’era. Il primo appuntamento, qualunque esso sia, è sempre un emozione. La paura di sbagliare, di vedere le tante ore di fatica e impegno spese per organizzare e programmare nei minimi particolari l’evento, era tantissima, ma oggi, a mente fredda possiamo dire che la prima tappa del BIMportale Tour 2018, il ciclo d’incontri in giro per l’Italia organizzato da Euroconference in collaborazione con BIMportale, per far conoscere il BIM in tutte le sue declinazioni, dall’insegnamento, alla professione, passando per l’associazionismo, svoltosi a Torino lo scorso 23 marzo con la collaborazione anche di Unione professionisti, è stato un successo. Un successo su tutti i fronti, di pubblico e di organizzazione.

Venerdi 23 marzo l’aula Magna del Politecnico di Torino al Lingotto risultava gremita in ogni ordine di posto, e la conferenza si è aperta proprio con l’intervento di una docente dell’ateneo torinese: l’ingegner Anna Osello, coordinatrice del progetto “Drawing TO the Future Lab”, il gruppo di ricerca sul BIM del Politecnico di Torino. Nel corso della giornata sono stati presentati anche i lavori e la metodologia BIM di due importanti società di progettazione: DVA/BimFactory e BimO Open Innovation. In conclusione c’è stato anche spazio per la presentazione di Assobim, l’associazione nata con l’intento di riunire una realtà complessa e dare rappresentatività alla filiera tecnologica del BIM, presente per l’occasione il presidente di Assobim Adriano Castagnone.

Il BIM – ha affermato Castagnone nel corso del suo intervento di chiusura alla giornata – non deve essere visto come una rivoluzione, ma bensì come un’evoluzione. Il nostro obiettivo è quello di creare un sistema organizzativo e collaborativo tra i vari interpreti coinvolti nel ciclo di vita di un edificio. Il cambiamento portato dal BIM contempla l’ambiente, i comportamenti, le capacità, la convinzione dei valori e l’identità delle persone. E il numero crescente di nuovi iscritti che registriamo ogni settimana testimonia la necessità di creare un gruppo di lavoro che evolva insieme nell’ottica dell’interoperabilità dei software”.

All’appuntamento torinese, presenti gli studenti del progetto “Drawing TO the Future Lab”, la professoressa Anna Osello ha raccontato l’esperienza di lavoro in ambiente BIM, iniziata 12 anni fa, presentando alcuni esempi di progettazione BIM, sia pubblici sia privati.

Fra questi l’Ospedale Galliera di Genova “realizzato interamente utilizzando la progettazione BIM, dall’appalto all’esecuzione lavori”, la Torre Unica della Regione Piemonte, “oggetto di studio di molti miei tesisti” e il caso dello Juventus Stadium, “per cui la società bianconera ha finanziato borse di dottorato con l’intento di sperimentare il BIM Facility Management sul proprio edificio”, ha ricordato la professoressa Osello.

Casi studio che ben dimostrano “come tutta l’Italia, pubblica e privata, sia pronta a lavorare in BIM”, motivo più che sufficiente per comprendere quanto importanza “dovrebbe” essere data alla progettazione BIM e ad una formazione professionale specifica.

BIMportale Tour 2018: buona la prima

 

 

Intanto il percorso del BIMportale Tour 2018 prosegue con l’appuntamento del 17 aprile 2018 a a Padova dove sarà presente assieme ai principali protagonisti del universo italiano del BIM anche Unione Professionisti, e dove a partire dalle ore 14:00 verranno trattati e approfonditi i seguenti argomenti:

  • la normativa in Italia: scenari e prospettive a seguito dell’entrata in vigore del decreto Baratono

  • il workflow di una commessa BIM

  • il caso dell’ampliamento dell’aeroporto di Fiumicino – Hub est e Molo C

  • il caso dell’Hotel Aida di Bardolino (Vr)

  • il 5D in Italia, il BIM e la gestione dei costi di un’opera: un caso di studio.

I lavori saranno guidati e moderati dall’ingegner Carlo Zanchetta – Dottore di ricerca in Ingegneria edilizia e territoriale Università di Padova, dall’architetto e designer Alessandro Vitale – Founding Partner DVA/BimFactory e dal geometra dello studio TMT Paolo Tomat.

Professional USB
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.