Italiani … da popolo di proprietari di case a inquilini: gli italiani sono sempre più interessati all’affitto

In Italia il 77,4% delle famiglie è proprietario della casa in cui vive, ma questo dato è destinato a cambiare nei prossimi anni con l’aumento di chi preferisce vivere in affitto

Corso Due Immobiliare

Valuta questo articolo

Italiani … da popolo di proprietari di case a inquilini: gli italiani sono sempre più interessati all’affitto Totale 5.00 / 5 2 Voti

In Italia il 77,4% delle famiglie è proprietario della casa in cui vive, ma questo dato è destinato a cambiare nei prossimi anni. Secondo l’Osservatorio sul mercato residenziale delle locazioni immobiliari di Immobiliare.it e Mioaffitto.it, il mercato consolida la sua crescita, al punto che nell’ultimo anno tutti i parametri risultano in aumento. Rispetto al 2017 infatti la domanda ha fatto un balzo del 2,9%, a fronte di uno stock di offerta cresciuto dell’1,6% e di canoni più cari dell’1,3%.

«Gli italiani hanno sempre dato un grande valore alla proprietà immobiliare, molto più dei cugini europei di Svizzera e Germania, ad esempio, dove circa metà della popolazione vive in abitazioni di suo possesso – dichiara Carlo Giordano, Amministratore Delegato di Immobiliare.it – Un clima di maggior fiducia, tassi di interesse ai minimi storici e un accesso al credito più semplice non potevano di certo far presagire un aumento così importante per l’interesse verso gli affitti. Eppure dalle grandi città è in corso una rivoluzione: ci stiamo avvicinando timidamente a una mentalità più vicina al Nord Europa, dove il settore delle locazioni immobiliari è da sempre un punto fermo della società».

L’andamento dei prezzi nelle regioni italiane. A livello nazionale il canone medio richiesto per un bilocale è pari 579,6 euro al mese. Guardando ai prezzi rilevati nelle regioni italiane, è sempre il Lazio quella più cara, con una media di 751,2 euro per un bilocale, nonostante un calo dell’1,2% su base annua. Sotto la spinta di Milano è la Lombardia la seconda in classifica, con canoni mensili medi di 678 euro, cresciuti di oltre il 2% rispetto al 2017. Seguono i valori rilevati in Toscana e in Valle d’Aosta, dove si richiedono mediamente 642,6 e 641,4 euro al mese.

La Toscana, insieme all’Emilia Romagna e al Friuli Venezia Giulia, è la regione in cui i prezzi risultano maggiormente in crescita rispetto all’anno scorso, con percentuali vicine al 3%.

Di contro, i canoni in Valle d’Aosta sono più bassi del 2,1% in confronto al 2017; ma sono Calabria e Basilicata le due regioni in cui i prezzi richiesti per affittare un’abitazione hanno perso il 2,6% su base annua, la percentuale negativa più evidente.

Le dieci città più care d’Italia. Rimane invariato rispetto all’anno passato l’elenco delle dieci città più care in cui affittare casa, con un’unica eccezione: quella di Napoli che lascia il posto a Verona.

Milano supera Venezia e Firenze, diventando così la città più cara in assoluto dove, a fronte di una domanda cresciuta di oltre il 4% nell’ultimo anno, l’affitto di un monolocale costa mediamente 700 euro al mese (17,5 euro/mq). A seguire si trova Firenze, con un costo medio di 613 euro per un monolocale e una domanda aumentata del 3,3%.

Sono al terzo posto, quasi a pari merito, Roma e Venezia, con un canone mensile medio per un monolocale pari rispettivamente a 540 e 539 euro, ma con due andamenti del mercato differenti. Nella Capitale si registra una crescita dell’offerta del 2,6% rispetto al 2017, a fronte di una domanda che ha fatto meglio, aumentando del 3,3%. Più stabile la situazione di Venezia, dove domanda e offerta subiscono oscillazioni minori, pari rispettivamente al +1% e -0,4%.

La presenza di studenti e lavoratori fuori sede, unita a prezzi più alti della media, confermano nella classifica delle dieci città più care d’Italia per affittare casa anche Bologna, Bolzano, Como, Siena, Pisa e la già citata Verona.

«L’approccio alla locazione è cambiato e a dimostrarlo si aggiungono anche i numeri relativi alla popolazione dei Millennials – conclude Carlo Giordano – Solo nove giovani su cento infatti sono proprietari della casa in cui vivono e la scelta di un immobile in locazione non è più percepita come una rinuncia ma come una scelta consapevole, mossa in particolare da una sempre maggiore mobilità legata al lavoro».

Crediti Architetti
Redazione

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.