Come creare un CV in inglese | Errori comuni e consigli

Preparare un perfetto curriculum vitae in inglese è spesso un passo fondamentale per poter aumentare le possibilità di essere assunti in una grande azienda

Valuta questo articolo

Come creare un CV in inglese | Errori comuni e consigli Totale 5.00 / 5 2 Voti

Preparare un perfetto curriculum vitae in inglese è spesso un passo fondamentale per poter aumentare le possibilità di essere assunti in una grande azienda, che sia essa italiana o internazionale. E’ importante tuttavia avere un’ottima conoscenza della lingua e bisogna prendere in considerazione i punti principali di un CV inglese, che a volte differiscono da quelli italiani. Nei prossimi paragrafi elencheremo alcuni errori comuni e suggerimenti, affinché il vostro resume in inglese risulti perfetto per tutte le occasioni.

La struttura del cv in inglese

Per la realizzazione di un cv in inglese, vi è una struttura standard che sarebbe meglio seguire e che prevede.

  • Summary o personal profile: sezione introduttiva dove introdurre il recruiter al profilo del candidato, una sorta di presentazione o sintesi discorsiva del profilo personale, lavorativo e delle ambizioni del candidato alla posizione.
  • Personal information: per inserire nome, cognome, recapiti.
  • Education and qualification: sezione dedicata alla menzione dei titoli accademici conseguiti con indicazione degli istituti di riferimento dove il titolo è stato conseguito.
  • Work experience: in questa sezione vanno indicate le esperienze lavorative pregresse con date, azienda di riferimento e mansioni svolte corredate da obiettivi professionali raggiunti, in termini quantitativi ove possibile.
  • Skills: qui vanno indicate le qualità professionali attinenti alla mansione per la quale ci si sta candidando con l’obiettivo di dare un quadro chiaro ed esaustivo di quello che il candidato può offrire all’azienda.
  • Extra Curricular Activities: qui vanno indicati gli interessi e le attività extralavorative preferite così da far esaltare alcuni lati della vostra persona che non sono stati evinti nella descrizione del vostro profilo lavorativo: volontariato, partecipazione all’attività della comunità cittadina, attività di rilevanza sociale o cultura.

Foto e data di nascita nel curriculum nel CV in inglese, si o no?

Una domanda che spesso sorge, quando si sta compilando un CV in inglese, è proprio “devo inserire una mia foto nel CV?”

Possiamo rispondere a questo quesito ma è bene distinguere i diversi mercati e posizioni di lavoro per cui si effettua una candidatura. Se il vostro CV è indirizzato ad un’azienda anglofona (Uk, USA, Australia…) il consiglio è quello di non inserire alcuna foto, se non specificatamente richiesto (la maggior parte delle volte come allegato) poiché i recruiter anglofoni, particolarmente attenti al multiculturalismo ed alle pari opportunità, non devono per nulla essere influenzati dal vostro aspetto fisico; tale pratica, usuale in diversi Paesi, come la Cina e l’Italia stessa, non solo è considerata strana in Uk, ma può dare adito a problemi di natura legale, nel caso in cui un altro candidato metta in dubbio la scelta del recruiter, a suo modo di dire, basata su un fattore “estetico”.

Per quanto riguarda la data di nascita, anch’essa può essere omessa.

Siate chiari ed a fuoco nei vostri obiettivi

Se vi state candidando per una posizione di lavoro specifica, indicatela chiaramente nel vostro curriculum. Siate brevi, ma cercate di mettere a fuoco fin da subito i vostri obiettivi lavorativi per il vostro immediato futuro. A tal proposito, le vostre esperienze pregresse, indicate nel CV, devono dimostrare che siete la persona giusta per ricoprire quel ruolo!

I recruiter dei paesi anglosassoni non si focalizzano troppo sulla formazione di un candidato ma sulle esperienze fattive e sui progetti portati a termine per un determinato ambito. Menzionare gli academic records va bene ma non è essenziale per fare colpo sui recruiter in UK o negli Stati Uniti ad esempio. Indicate i progetti ai quali avete partecipato e gli obiettivi pratici raggiunti.

Inserite parole chiave nel vostro CV in inglese

La maggior parte delle grandi aziende internazionali, alle quali i vostri curriculum vitae in inglese possono essere rivolti, utilizzano moderni software che effettuano la scansione dei CV ricevuti elettronicamente, procedendo ad un’iniziale filtraggio, attraverso parole chiave specifiche per la posizione di lavoro o più in generale per il mercato in cui l’azienda stessa opera. Nella stesura di un curriculum vincente, non dimenticate di inserire le giuste parole chiave, così da aumentare esponenzialmente le probabilità di venire contattati per un colloquio.

Preparate una lista di referenze da allegare al CV

Le referenze ricoprono un ruolo molto importante e decisivo nella fase di recruiting e di scelta del candidato. Nei paesi anglosassoni, infatti, si tende a premiare e a considerare l’eventuale endorsement di un precedente datore di lavoro. Questo aspetto rende il candidato maggiormente appetibile e quindi potenzialmente idoneo agli occhi nel recruiter. Allegate delle lettere di encomio scritte dai vostri precedenti titolari indicando data, luogo e azienda così da rendere il documento credibile.

Se le vostre esperienze lavorative sono di un certo spessore, molto probabilmente i vostri futuri datori di lavoro vorranno controllarle, prima di assumervi. Questa è una pratica comune, soprattutto dopo i primi contatti o colloqui, quella di presentare una lista di referenze (nome azienda, responsabile delle risorse umane, contatti…) inserendo sul fondo del vostro CV “References available upon request” – Referenze disponibili su richiesta. Non si tratta di una indicazione obbligatoria, è compito del candidato valutare se è il caso o meno.

Corsi Academy
Redazione

Il Blog di Unione Professionisti è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata al mondo del lavoro e delle libere professioni. Con i professionisti ci rapportiamo e confrontiamo ogni giorno per fornire un'informazione dettagliata a 360 gradi. Il nostro staff di collaboratori è composto da giornalisti, professionisti, esperti in formazione professionale, grafici, esponenti del mondo imprenditoriale e non solo. Oltre alle classiche news, alle guide tecniche, agli approfondimenti tematici, alle segnalazioni di opportunità lavorative, offriamo anche un utile servizio di documenti in pdf (normative, fac-simile, modulistica … ) liberamente scaricabili e riutilizzabili.