All News #31 – Il futuro dei Geometri, Lavori su edifici vincolati e No alla riforma del catasto

Incertezza sul futuro dei Geometri Italiani, Lavori su edifici vincolati per gli Ingegneri e la marcia indietro del Governo sulla riforma catastale

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Su Unione Professionisti All News numero 31 parliamo dell’incertezza sul futuro dei Geometri Italiani, Lavori su edifici vincolati per gli Ingegneri e la marcia indietro del Governo sulla riforma catastale. Un incertezza che è stata stigmatizzata alla perfezione nel corso dell’ultimo convegno di Geomobilitati. Un incertezza che sembra però contagiare anche le altre professioni tecniche. Una notizia degli ultimi giorni infatti sembra riaprire l’eterna discussione tra ingegneri e architetti riguardo i lavori da effettuare sugli edifici sottoposti a tutela. Per concludere una news che in tanti si aspettavano. Il Viceministro all’economia Morando nel corso di un recente convegno organizzato da Acen a Napoli ha dichiarato che difficilmente la tanto attesa riforma del catasto potrà vedere la luce nel corso dell’attuale Governo Renzi. La colpa? ” Un costo politico eccessivamente caro”.

E’ stata una due giorni densa e proficua durante la quale, il venerdì pomeriggio, si è riunito il Consiglio Nazionale uscente ed il sabato, per l’intera giornata, si è tenuta l’Assemblea che ha visto anche la partecipazione e gli apprezzati interventi di Giuliano Villi (Consigliere Nazionale del CNGeGL) e di Salvatore Ciocca (ex sindaco della CIPAG). Tra gli ospiti è intervenuta l’avvocato Rossella Lisabettini del foro di Roma, in rappresentanza di MGA (Movimento Giovani Avvocati) e della “Coalizione 27F”, della quale Geomobilitati fa parte, la quale ha portato i saluti della Coalizione formata dal fronte dei lavoratori autonomi per l’equità fiscale e previdenziale.

Una serie di sentenze del giudice amministrativo di primo grado ( Tar del Lazio 30 marzo 2015 n. 4713, Tar Sicilia 29 ottobre 2015 n. 2519, Tar Emilia-Romagna 13 gennaio 2016 n. 36) sembrano affermare come la “non totalità degli interventi concernenti gli immobili di interesse storico e artistico debba essere affidata alla specifica professionalità dell’architetto”. Sembra cosi passare il concetto del riconoscimento di uno spazio di intervento alla figura professionale dell’Ingegnere, anche per quanto riguarda gli edifici vincolati. Competenza professionale che, secondo i giudici, sarebbe riconosciuta allorché si tratti o di lavori che sono in prevalenza rivolti all’adeguamento impiantistico dell’edificio, oppure di lavorazioni che non incidono e non riguardano i profili estetici e di rilievo culturale dell’edificio.”

La riforma del catasto non s’ha da fare, costa troppo, toccherà ad un altro Governo riscrivere le regole. L’annuncio arriva direttamente dal viceministro all’Economia Enrico Morando. “ Una riforma del catasto avrebbe un costo politico troppo elevato. Toccherà a un nuovo Governo riscrivere la riforma e farla approvare nei primi mesi in Parlamento”.

La riforma del catasto quindi non si farà. Lo ha annunciato nei giorni scorsi il viceministro all’Economia Enrico Morando, nel corso di una tavola rotonda sul tema, organizzata dall’Acen e dall’Associazione Nazionale Tributaristi Italiani sezione Campania.


Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.