All News #28 – Valutazione ambientale strategica, PREPAC e Legambiente per la crescita Green

Come scrivere una valutazione ambientale strategica? Le proposte di Legambiente in vista della legge di stabilità 2017.

Valuta questo articolo

Sei il primo. Vota Ora!!!

Nella puntata numero 28 di Unione Professionisti All News parleremo di Valutazione ambientale strategica, Riqualificazione energetica e immobiliare degli edifici del patrimonio pubblico e le proposte di Legambiente per una legge di stabilità 2017 green.

La procedura di Valutazione ambientale strategica in Italia si suddivide in due tipologie differenti: procedure Vas statali e procedure Vas regionali. Si tratta di procedure vas statali laddove l’approvazione del piano o programma compete ad organi dello Stato mentre sono procedure regionali le Valutazioni ambientali strategiche di piani o programmi la cui approvazione compete a regioni o enti locali.

Le Regioni e Province autonome, cosi come previsto dalla norma, disciplinano con proprie leggi e regolamenti le competenze proprie e quelle degli altri enti locali. Ciò comporta, sempre nel rispetto dalla normativa nazionale, che le procedure amministrative possono essere diverse da regione a regione. Differenze che secondo diversi consulenti tecnici sono alla base di deficit normativo che sta frenando la ripresa del mattone in Italia.

Il Decreto Mise-Ambiente sull’efficienza energetica degli immobili della PA, (d.lgs. 102/2014) permetterà interventi su ministeri, capitanerie, caserme, prefetture, stanziandosi complessivamente 355 milioni per intervenire su 2,5 milioni di mq di immobili pubblici dal 2016 al 2020. L’iniziativa è stata avviata nel Luglio del 2014, ma solo il 23 Settembre scorso, è stato firmato il decreto interministeriale che fissa criteri e modalità per attuare il piano di riqualificazione energetica e immobiliare della Pubblica Amministrazione centrale.

Il Ministero dello Sviluppo Economico comunica che “Il decreto, firmato dai Ministri dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, dell’Ambiente Gian Luca Galletti, delle Infrastrutture Graziano Delrio e dell’Economia Pier Carlo Padoan, definisce le modalità attuative del Programma di riqualificazione energetica e immobiliare della Pubblica Amministrazione centrale (PREPAC) finalizzato a efficientare almeno il 3% annuo della superficie utile del patrimonio edilizio dello Stato, in ottemperanza a quanto previsto dalla direttiva europea 2012/27 sull’efficienza energetica.”

Le proposte di Legambiente per la Legge di Bilancio 2017. Non è vero che in questa fase complicata dell’economia italiana e globale si debbano rinviare gli investimenti destinati alla ricerca, all’istruzione o all’innovazione ambientale.

Non è vero semplicemente perché nell’enorme bilancio dello Stato sono presenti enormi sprechi e vere e proprie distorsioni fiscali a danno dell’ambiente, oltre che a rendite insopportabili che impediscono una corretta gestione di beni naturali e comuni.

Se da una parte è condivisa l’idea che sia quanto mai urgente rilanciare investimenti e politiche che spingano la green economy, dall’altra parte il dibattito politico sembra ignorare che sia possibile fare ciò in tempi brevi contribuendo al rilancio dell’economia italiana. La ricetta è nota da tempo e passa per lo spostamento del peso della fiscalità dal lavoro al consumo delle risorse, e di spingere l’innovazione ambientale in tutti i settori fondamentali dell’economia italiana: dall’energia all’edilizia, dalla mobilità ai rifiuti, dall’agricoltura al turismo.


Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.