Riscatto laurea: gratis o a pagamento, requisiti, modalità, costi

Per poter richiedere il riscatto laurea è necessario presentare un’apposita domanda che può essere inoltrata sia online sul sito web dell’INPS o tramite un Caf

Valuta questo articolo

Riscatto laurea: gratis o a pagamento, requisiti, modalità, costi Totale 4.50 / 5 4 Voti

La proposta sul riscatto della laurea proposta dal Governo è articolata su due fronti, il primo prevede il riscatto della laurea gratis per i nati tra il 1980 e il 2000 (i cosiddetti Millennials, appunto) ma solo per quegli studenti che abbiano completato il percorso universitario negli anni stabiliti, il secondo fronte della proposta consentirebbe il riscatto gratuito degli anni di laurea (anche qui, senza arrivare fuori corso) per coloro che si immatricolano all’Università nel 2018.

Quando si parla di novità spesso si crea confusione sull’argomento cerchiamo quindi di comprendere in cosa consiste esattamente il riscatto degli anni di laurea, chi può richiederlo e se realmente conviene.

Quali sono i requisiti per il riscatto laurea gratis?

Partiamo dai requisiti e vediamo quali sono per poter accedere al riscatto gratuito, in primis l’interessato durante gli anni di studio della laurea non deve aver percepito nessuna tipologia di stipendio e di conseguenza durante gli anni di studio non devono risultare versamenti di contributi per prestazioni lavorative, inoltre non si possono riscattare gli anni di studi classificati come fuoricorso.

Quali diplomi e titoli accademici possono essere ricompresi nel riscatto laurea gratis?

Nello specifico possono essere riscattati:

  • diplomi universitari, i cui corsi non siano stati di durata inferiore a due e superiore a tre anni;

  • diplomi di laurea i cui corsi non siano stati di durata inferiore a quattro e superiore a sei anni;

  • diplomi di specializzazione conseguiti successivamente alla laurea e al termine di un corso di durata non inferiore a due anni;

  • dottorati di ricerca i cui corsi sono regolati da specifiche disposizioni di legge;

  • titoli accademici introdotti dal decreto 3 novembre 1999, n. 509 ovvero Laurea (L), al termine di un corso di durata triennale e Laurea Specialistica (LS), al termine di un corso di durata biennale propedeutico alla laurea.

Per quanto riguarda invece i diplomi rilasciati dagli Istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale, possono essere riscattati solo i nuovi corsi a partire dall’anno accademico 2005/2006 che danno diritto ai seguenti titoli di studio:

  • diploma accademico di primo livello;

  • diploma accademico di secondo livello;

  • diploma di specializzazione;

  • diploma accademico di formazione alla ricerca, equiparato al dottorato di ricerca universitario dall’art.3, comma 6, decreto del Presidente della Repubblica 8 luglio 2005, n. 212 (messaggio 14 giugno 2010, n. 15662);

  • diplomi di laurea conseguiti all’estero che abbiano valore legale in Italia.

Quale procedura bisogna seguire per riscattare gli anni di laurea?

Per poter richiedere il riscatto laurea è necessario presentare un’apposita domanda che può essere inoltrata sia online sul sito web dell’INPS o tramite un Caf. Scegliendo il sito dell’INPS ovviamente il tutto sarà gratuito (eccetto il pagamento delle tasse) ma non si potrà avvalersi di nessun tipo di consulenza sulla compilazione della domanda, inoltre l’utente dovrà dotarsi del “pin dispositivo” ottenibile attraverso la registrazione al sito web dell’INPS, successivamente sarà possibile presentare la domanda di riscatto laurea tramite la sezione Servizi Online.

Quali sono i costi per il riscatto laurea?

Richiedere il riscatto laurea ovviamente non è un’operazione gratuita, i costi della procedura possono variare e si calcolano proporzionalmente al reddito, il pagamento può essere effettuato online o da sportello bancario, tramite appositi bollettini MAV stampabili dal sito dell’Inps. La proposta è anche sul tavolo del Ministero del Tesoro, per calcolarne costi e benefici: se la procedura si rivelasse troppo onerosa per lo Stato, resta in piedi la possibilità che il Ministero copra solo una parte dei costi, lasciando l’altra all’interessato.

Come riscattare gli anni di laurea: a chi conviene?

Tra le domande più frequenti che si trovano anche online nei forum dedicati all’argomento, è se conviene oppure no effettuare il riscatto degli anni di laurea, conviene quando si è giovani e non si possiede un reddito lavorativo importante, dato che da quello si parte per calcolare il costo della procedura.

Inoltre se la laurea è stata conseguita prima del 1995, il calcolo varierà a seconda di diversi fattori come l’età, periodo da riscattare, sesso e retribuzioni percepite negli ultimi anni, mentre se la laurea è stata conseguita dopo l’anno 1995 il riscatto verrà calcolato in base all’aliquota contributiva in vigore alla data di presentazione della domanda, il tutto applicato al reddito. Se si è disoccupati o inoccupati, invece, si dovrà pagare solo il costo minimo previsto.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.