Riduzione bollette elettriche in vista per le PMI

Firmati i decreti attuativi per la riduzione delle bollette elettriche delle PMI: i dettagli dei primi tre provvedimenti del governo Renzi.

Valuta questo articolo

Riduzione bollette elettriche in vista per le PMI Totale 5.00 / 5 2 Voti

Con il decreto Competitività il Governo ha previsto la definizione di norme specifiche per la riduzione delle bollette elettriche delle PMI.

In questi giorni, il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, ha firmato i primi tre provvedimenti di attuazione delle norme per la riduzione delle bollette elettriche indirizzate alle PMI italiane.


La manovra dispiegherà i propri effetti complessivi, con gradualità, nel corso del 2015. Ulteriori riduzioni della spesa deriveranno, oltre che dal pacchetto a favore delle Pmi, da altre misure su componenti regolate della bolletta e da interventi pro-concorrenza sul mercato elettrico. I consumatori beneficiano inoltre del calo dei prezzi dei combustibili impiegati per la produzione elettrica e di una riduzione del costo del dispacciamento.

La menovra nello specifico per le PMI comprende:

  • Rimodulazione volontaria degli incentivi all’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico.

  • Modalità di erogazione degli incentivi al fotovoltaico da parte del GSE.

  • Rimodulazione degli incentivi agli impianti fotovoltaici di potenza superiore a 200 kW dedicati specificamente al mondo delle PMI.

Rimodulazione volontaria degli incentivi

La rimodulazione volontaria degli incentivi all’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico il MiSE ha già ottenuto il parere favorevole dell’Autorità per l’energia. Il decreto stabilisce le modalità di determinazione dei nuovi incentivi riconosciuti sull’energia elettrica prodotta dagli impianti a fonti rinnovabili esistenti, diversi dagli impianti fotovoltaici.

Modalità di erogazione

Per quanto riguarda le modalità di erogazione degli incentivi al fotovoltaico da parte del Gestore dei Servizi Energetici (GSE), il provvedimento stabilisce che venga riconosciuto ai produttori un acconto pari al 90%, calcolato sulla base della produzione effettiva dell’anno precedente, con saldo entro 60 giorni dall’invio delle misure sulla produzione effettiva e comunque entro il 30 giugno dell’anno successivo. Il decreto fornisce le modalità di calcolo dell’acconto, le verifiche che dovranno essere effettuate dal GSE e la periodicità dei pagamenti basata sulla dimensione degli impianti.

Fotovoltaico

Vengono infine rimodulati gli incentivi alle PMI per l’installazione degli  impianti fotovoltaici di potenza superiore a 200 kW a partire dal 1° gennaio 2015. Il decreto fornisce ai produttori il quadro completo delle opzioni alle quali poter accedere.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.