Avviso da 672mila euro per la realizzazione del progetto “Restart Scampia”

Il Comune di Napoli ha pubblicato il bando per la realizzazione del progetto “Restart Scampia”, che prevede l’abbattimento di tre delle quattro Vele

Valuta questo articolo

Avviso da 672mila euro per la realizzazione del progetto “Restart Scampia” Totale 5.00 / 5 4 Voti

Il Comune di Napoli ha pubblicato il bando per la realizzazione del progetto “Restart Scampia”, che prevede l’abbattimento di tre delle quattro Vele di Scampia e la rifunzionalizzazione della quarta, che svolgerà, in un primo momento, il ruolo di infrastruttura per l’emergenza sociale. Dopo l’assegnazione, da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze, del finanziamento per il progetto presentato dal Comune, gli Uffici hanno lavorato alla predisposizione di due bandi di progettazione.

Quando scade il bando per la realizzazione del progetto “Restart Scampia”?

Il primo bando è stato già pubblicato e prevede 22 giorni di tempo per presentare le proposte e 50 giorni di tempo, al vincitore del bando, per la predisposizione della progettazione esecutiva, che sarà oggetto della successiva gara lavori per l’abbattimento e la rifunzionalizzazione.

Nei prossimi giorni sarà completato e pubblicato il secondo bando, relativo alla progettazione del Piano urbanistico esecutivo dell’area, che andrà a definire in maniera puntuale l’obiettivo di rendere Scampia un elemento di cerniera con i comuni limitrofi, luogo dove si andranno a localizzare alcune funzioni privilegiate e nuove funzioni a carattere urbano e territoriale (metropolitano), in grado di dare una nuova articolazione alla composizione sociale del quartiere.

“Incomincia così a prendere corpo il progetto della nuova Scampia” afferma l’assessore al Diritto alla città Carmine Piscopo “nato dalla collaborazione con le istituzioni universitarie cittadine e dal confronto con i comitati e le associazioni attive sul territorio.”

Il progetto “Restart Scampia” e la materia della rigenerazione urbana sostenibile

“Il programma di rigenerazione urbana che vale complessivamente 26 milioni di euro – continua l’assessore – costituisce la coerente proposta dell’Amministrazione di affrontare incisivamente il tema delle cosiddette ‘periferie’ allo scopo di realizzare, con atti concreti, nuove centralità supportate dalla realizzazione di servizi urbani integrati di mobilità, incisivi servizi di assistenza sociale, formazione scolastica, sicurezza, iniziative educative, culturali e sportive.

Le Vele: da utopia architettonica a luogo simbolo di Gomorra. Storia di un incompiuta italiana.

Quando parliamo delle Vele di Scampia ci riferiamo al progetto dell’architetto Francesco di Salvo che prevedeva la realizzazione di sette edifici sorti a seguito della legge 167 del 1962, per l’acquisizione di aree cittadine fabbricabili da destinare all’edilizia popolare, e facenti parte di un progetto abitativo di ampio respiro che prevedeva un vero sviluppo urbano di Napoli verso la zona est. Purtroppo il progetto originario di “Franz” di Salvo non fu mai completato. (per maggiori informazioni è possibile scaricare l’approffondimento)

Scarica l'approfondimento
Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.