Professione geometra: solida, multidisciplinare, proiettata al futuro, quanto guadagnano i geometri?

Professione Geometra: in 10 anni ha conservato un fatturato superiore al PIL medio procapite innovando competenze professionali e mostrandosi al passo col cambiamento

Corsi Crediti Geometri

Valuta questo articolo

Professione geometra: solida, multidisciplinare, proiettata al futuro, quanto guadagnano i geometri? Totale 3.00 / 5 2 Voti

La professione di geometra in 10 anni ha conservato un fatturato superiore al PIL medio procapite innovando competenze, mostrandosi al passo col cambiamento, le tecnologie, le nuove esigenze e costruendo il futuro nella multidisciplinarietà della professione.

Il 50% dei giovani geometri under 35 vive fuori casa, contro il 33% della media italiana riferita agli altri professionisti del settore tencico.

La professione Geometra ha resistito alle crisi grazie alla resiliente capacità di adattamento al nuovo contesto economico e all’innovazione delle proprie competenze professionali e dei propri ambiti di intervento.

A storcere il naso, ad affermare che “sono tutte falsità” saranno sicuramente in tantissimi, ma i dati provengono direttamente da una ricerca condotta dall’Università degli Studi di Genova su dati statistici, forniti dalla Cassa Geometri, relativi all’evoluzione del fatturato e dei redditi dei geometri in un arco temporale compreso fra il 2006 ed il 2016.

La ricerca dell’Università di Genova dimostra che la professione geometra nell’arco degli ultimi 10 anni ha saputo affrontare le difficoltà, in particolare la crisi del settore edilizio, modificando la tipologia di servizi offerti, esaltando la propria figura di professione polifunzionale e molto orientata alla consulenza.

Oggi il geometra italiano svolge attività diverse dal passato, non solo pratiche catastali (in media 3 punti percentuali, dal 48,1% al 45,6%), più certificazioni energetiche (in media quattro volte in più nel 2016 rispetto al 2006) certificazioni acustiche, rilievi architettonici, direzione lavori, fino alle dichiarazioni di successione e alle pratiche fiscali e burocratiche.

Una professionalità multidisciplinare che ha portato i geometri italiani a doversi rapportare con condomini, imprese, enti territoriali, soggetti privati, autorità giudiziarie … superando il mono-interlocutore dei tempi passati; la Pubblica Amministrazione.

il geometra professionista, con la sua formazione multidirezionale, appare quindi particolarmente adatta alla nostra epoca, in cui, più che un “saper fare”, si chiede spesso un “saper imparare”.

Il fatturato dei geometri italiani: una professione che ha mantenuto buoni livelli di guadagno

Il geometra ha conservato mediamente un livello di fatturato superiore al Pil pro capite italiano. Infatti, nei 10 anni, a fronte di un Pil pro capite italiano di 27.027 euro, il fatturato del geometra è stato il 31.832 euro con una differenza media di 4.805 euro in favore dei geometri.

Quali sono gli skills di cui i geometri del futuro non potranno più fare a meno?

Dalla ricerca Future Concept Lab, emerge chiaro e forte come in futuro per i geometri sarà importante far convergere e consolidare azioni diverse. La professione geometra del futuro richiederà di:

  • essere un Facilitatore dello Sviluppo, accompagnando i cittadini nel dare la giusta importanza alla prevenzione e alla sicurezza dei propri ambienti di vita;

  • essere un Consulente Globale, aprendosi a logiche collaborative, anche intergenerazionali su tematiche di urgenza sociale (monitoraggio e prevenzione rischi sismici, incendio, cantieri temporanei…);

  • godere di un Upgrade Professionale, affermando le capacità acquisite nel trovare “soluzioni” sul campo.

E per ultimo un profilo Culturalmente Evoluto, ampliando le proprie competenze culturali con le competenze specifiche, per avere un quadro completo del contesto socio-ambientale odierno.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.