Prima di tutto l’energia

L’Italia è stata protagonista nel semestre di Presidenza UE del lancio della road map per lo studio e lo sviluppo dell’energia.

Valuta questo articolo

Prima di tutto l’energia Totale 5.00 / 5 2 Voti

L’Italia è stata protagonista nel semestre di Presidenza UE del lancio della road map per o studio e lo sviluppo dell’energia. L’ occasione, per fare il punto sulla situazione dell’energia nel vecchio continente, è stata quella del 24 novembre scorso, quando sono stati presentati a pubblico e stampa mondiale la i risultati del programma di ricerca sulla fusione che ha portato oltre 900 milioni di euro a aziende Italiane e  alla settima SET-Plan Conference organizzata dall’Enea il 10 e l’11 dicembre a Roma.

Erano oltre 650 gli stakeholder, provenienti da 28 Paesi diversi, giunti a Roma in occasione della settima SET-Plan Conference.

Nel corso dell’appuntamento romano è stato fatto il punto sulle azioni comuni  da adottare per ridurre le emissioni e il consumo di energia primaria, investire nell’innovazione, sviluppare le fonti rinnovabili e l’efficienza per accrescere la sicurezza e il trasferimento tecnologico alle imprese e ai territori.

A far da filo conduttore dei lavori, l’innovazione tecnologica come strumento essenziale per una strategia energetica a basse emissioni e come volano per importanti ricadute industriali. ‘

“ Sul fronte dello sviluppo dell’energia, l’ENEA si candida quale punto di riferimento nel panorama italiano all’insegna del binomio ricerca/imprese” ha affermato il commissario ENEA Federico Testa “ad esempio,  nel settore dell’efficienza, l’obiettivo è di supportare il consolidamento e lo sviluppo di una filiera industriale nazionale in un campo dove  già oggi vi sono vantare competenze e capacità per diventare leader a livello mondiale’’.

Un altro importante esempio della capacità ENEA di fare da volano degli investimenti in tecnologia arriva dal programma Iter sulla fusione nucleare, dove Testa ha annunciato un prossimo investimento Ue di 400 milioni di euro, un programma che ribadisce l’importanza ricoperta da ENEA nel campo dell’innovazione e della scienza applicata in Italia.

“Su Iter l’ENEA ha già veicolato per le imprese italiane 964 milioni di euro di commesse. Con una percentuale di partecipazione di aziende piccole, medie e grandi italiane del 12% nel programma le nostre imprese hanno portato a casa ben il 64% delle commesse legate alla ricerca”.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.