L’Agenzia delle Entrate lancia la sperimentazione sulla Fatturazione elettronica tra privati

Disponibili online sul sito dell’Agenzia delle Entrate le bozze dei documenti tecnici per partecipare alla sperimentazione sull’uso della Fatturazione elettronica tra privati

Valuta questo articolo

L’Agenzia delle Entrate lancia la sperimentazione sulla Fatturazione elettronica tra privati Totale 5.00 / 5 3 Voti

L’Agenzia delle Entrate lancia la sperimentazione sulla Fatturazione elettronica tra privati. Sono stati messi online sul sito dell’Agenzia delle Entrate le bozze dei documenti tecnici per l’utilizzo del Sistema di Interscambio (SdI), la piattaforma già in uso per la fatturazione elettronica verso le Pubbliche amministrazioni, anche nei rapporti commerciali tra privati. La sperimentazione è stata promossa dall’Agenzia nell’ambito del Forum italiano sulla fatturazione elettronica e l’eprocurement.

Prende avvio la fase di sperimentazione dello SdI. Le bozze delle specifiche tecniche, disponibili sul sito dell’Agenzia, descrivono le regole da osservare per utilizzare il Sistema di interscambio e la struttura della fatturazione elettronica tra privati, ordinaria o semplificata, che dovrà essere veicolata dal Sistema.

La sperimentazione mira a risolvere in tempo utile eventuali criticità che dovessero presentarsi e si concluderà entro la metà del prossimo mese di ottobre 2016. Sulla base dei feedback ricevuti, saranno consolidati i supporti e le regole di processo.

Cosa cambierà con la progressiva introduzione della fatturazione elettronica tra privati?

Dal 1 gennaio 2017 sarà pienamente disponibile lo SdI il Sistema di InterScambio, dal primo gennaio 2016 per l’appunto, le imprese, gli artigiani e i professionisti potranno trasmettere le proprie fatture elettroniche utilizzando il Sistema di interscambio, oggi disponibile solo per i clienti “Pubbliche Amministrazioni”: questa facoltà è prevista dal Dlgs n.127 del 5 agosto 2015.

Il Sistema di Interscambio, all’interno del quale si muoveranno le fatturazioni elettroniche tra privati, funzionerà con regole procedurali di fatto identiche a quelle oggi attive per la veicolazione delle fatture elettroniche destinate alle Pubbliche amministrazioni; infatti il formato in uso è stato integrato per rappresentare anche le fatture destinate ai privati.

Fatturazione elettronica tra privati: cosa cambia dal punto di vista pratico?

  • L’utilizzo di una forma di fatturazione elettronica tra privati, essenzialmente porterà all’eliminazione di:

  • alcune comunicazioni come lo spesometro (l’elenco di tutte le operazioni rilevanti ai fini Iva);

  •  operazioni realizzate in Paesi Black list;

  • elenco Intrastat acquisti (acquisti intracomunitari di beni);

  • elenco Intrastat servizi ricevuti (riepilogativo dei servizi intracomunitari ricevuti).

Per quanto riguarda il rimborso dei crediti Iva, questo sarà effettuato entro tre mesi dalla presentazione della dichiarazione annuale, anche in assenza delle garanzie previste dall’articolo 30 del Dpr 633/72. I contribuenti che decideranno di aderire a questa opportunità dovranno emettere le proprie fatture nel formato XML già previsto per quelle verso la PA e inviarle a SdI.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.