Bando ISI INAIL 2015: chiarimenti su contributi per sicurezza sul lavoro

L'INAIL pubblica le risposte alle FAQ relative al bando ISI INAIL 2015. Stanziati oltre 276 milioni di euro per la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Formazione Formatori Sicurezza

Valuta questo articolo

Bando ISI INAIL 2015: chiarimenti su contributi per sicurezza sul lavoro Totale 5.00 / 5 3 Voti

Con una dotazione di 276.269.986 euro il bando ISI INAIL 2015 intende sostenere progetti diretti a migliorare i livelli di salute e sicurezza sul lavoro. Come ogni anno lo stanziamento è ripartito in budget regionali, mentre a caratterizzare il bando ISI INAIL 2015, che finora ha mobilitato oltre 1,2 miliardi di euro, è l’introduzione di uno specifico asse dedicato ai progetti di bonifica da materiali contenenti amianto. Questa nuova tipologia di progetti ammissibili si aggiunge a quelle già previste, relative al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori e all’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.

Quali sono le imprese che possono partecipare al bando ISI INAIL 2015? Quali sono i termini di presentazione delle domande? A quanto ammontano le spese deducibili comprese nel bando ISI INAIL 2015?

I contributi del bando Isi 2015 sono destinati a tutte le imprese, anche a quelle individuali, che abbiano la sede sul territorio nazionale e siano iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura. L’importo dell’aiuto, pari al 65% delle spese ammissibili, può essere compreso tra un minimo di 5mila e un massimo di 130mila euro, mentre per quanto riguarda i termini di presentazione delle domande (termini aperti il 1 marzo 2016 ndr) scadranno il prossimo 5 maggio 2016.

Vista l’importanza della materia riguardante la salute e sicurezza sul lavoro l’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro ha pubblicato sul suo sito web una serie di FAQ, con lo scopo di porre chiarezza riguardo diversi aspetti del bando isi INAIL 2015. Aspetti come i requisiti generali delle imprese, limitazioni al costo dei materiali, superficie da bonificare dall’amianto. Riportiamo di seguito alcune delle FAQ più cliccate con particolare attenzione a quelle relative alle procedure di bonifica amianto

  • “ il fatto che l’azienda eserciti la propria attività in locali di cui è proprietaria o in locali che abbia in uso a titolo di locazione è totalmente ininfluente. Resta fermo il vincolo del mantenimento almeno biennale dei beni acquistati o realizzati, per cui al momento della presentazione della domanda l’impresa dovrà valutare se tale condizione potrà essere rispettata, in considerazione del prevedibile periodo di occupazione dei medesimi locali”.

  •  “nel caso di interventi di sostituzione delle coperture in cemento amianto, i costi relativi alla posa in opera del materiale sostitutivo sono compresi tra quelli finanziabili. Le spese di posa in opera della nuova copertura rientrano infatti tra quelle indispensabili alla completezza dell’intervento”. Nel caso in cui la superficie della copertura sostitutiva ecceda quella della copertura in materiale contenente amianto preesistente, nel computo delle spese di progetto si terrà conto unicamente della porzione riferibile alla sostituzione della copertura rimossa. La porzione eccedente sarà quindi interamente a carico del richiedente.

  • “L’unica limitazione posta riguarda il costo del materiale sostitutivo, che viene computato nella misura massima di 25 euro per metro quadro di copertura rimossa e da sostituire. Nei preventivi presentati in caso di superamento del click-day dovranno quindi essere evidenziati i costi relativi all’acquisto del materiale sostitutivo delle coperture rimosse”.

Per maggiori informazioni è possibile visionare e consultare tutte le faq nel sito web dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro istituto  www.inail.it

Tutti I Corsi
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.