Niente prescrizione per gli abusi edilizi: la sentenza della Cassazione

Normativa sugli Abusi Edilizi: La Cassazione avverte chi si rende protagonista di abusi edilizi che la demolizione non finisce mai in prescrizione.

Valuta questo articolo

Niente prescrizione per gli abusi edilizi: la sentenza della Cassazione Totale 4.73 / 5 11 Voti

La Cassazione avverte chi si rende protagonista di abusi edilizi che la demolizione non finisce mai in prescrizione. In particolare, la Terza sezione penale, dichiarando inammissibile il ricorso di un cittadino napoletano al quale era stata intimata la demolizione di una costruzione che da uso agricolo era stata trasformata ad uso abitativo, ha ricordato che:

“La demolizione del manufatto abusivo, anche se disposta dal giudice penale, qualora non sia stata altrimenti eseguita, ha natura di sanzione amministrativa, che assolve ad un’autonoma funzione ripristinatoria del bene giuridico leso, configura un obbligo di fare, imposto per ragioni di tutela del territorio, non ha finalità punitive e ha carattere reale, producendo effetti sul soggetto che è in rapporto con il bene, indipendentemente dall’essere stato o meno quest’ultimo l’autore dell’abuso”.

Proprio per queste caratteristiche, “la demolizione” scrive la  Cassazione “non può ritenersi una pena nel senso individuato dalla giurisprudenza della Cedu e non è soggetta alla prescrizione stabilita dall’articolo 173 codice penale“.

Piazza Cavour in questo modo coglie l’occasione per ricordare che “particolarmente attuale appare il monito, espresso anche da consapevole dottrina, che il diritto eurounitario, e in particolare il diritto proveniente dalla giurisprudenza della Corte di  Strasburgo, non venga adoperato dall’interprete alla stregua di un diritto à la carte, dal quale scegliere l’ingrediente ermeneutico ritenuto più adatto ad un’operazione di pre-comprensione interpretativa”.

Come si denunciano gli abusi edilizi? A chi bisogna fare la segnalazione?

Innanzitutto prima di procedere con la denuncia, bisogna sempre assicurarsi che nel caso concreto esista realmente  una responsabilità accertabile. È consigliabile quindi richiedere il parere di un professionista competente che sappia districarsi nella babele di normative e documenti.

Se il “responsabile degli abusi edilizi” ha avuto un “permesso per costruire” ma dalla documentazione rilasciata al comune risulta chiaro che si tratta di un permesso illecito, allora la questione deve essere segnalata all’Ufficio Urbanistica e Topomastica mediante una contestazione sul rilascio di un permesso di costruzione non in linea con il piano urbanistico.

Caso diverso invece si avrebbe nel caso gli abusi edilizi siano stati realizzati senza nessun permesso edilizio.

Se l’abuso edilizio da denunciare non ha avuto alcun permesso bisognerà rivolgersi al comando dei Vigili urbani del Comune interessato dall’abuso. Presso il comando dei Vigili Urbani si potrà esaminare la presenza di un cartello d’impresa.L’assenza del cartello d’impresa è infatti già di per se un reato punibile con ammenda.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.