Per quale motivo il Governo ha deciso di consegnare il mercato immobiliare italiano alle banche?

“Con il DDL Concorrenza il Governo sta consegnando il mercato immobiliare italiano ad alcune banche e non tutelate i risparmiatori”

Corso Valutazione Immobiliare

Valuta questo articolo

Per quale motivo il Governo ha deciso di consegnare il mercato immobiliare italiano alle banche? Totale 5.00 / 5 3 Voti

Il Presidente Nazionale Fiaip Paolo Righi intervenendo pochi giorni fa su LA7 a “L’Aria d’Estate”, condotta da Andrea Pancani, ha commentato i dati Istat che fotografano una crescita delle transazioni immobiliari nel primo trimestre 2016 per quanto riguarda il mercato immobiliare italiano 2016 .

“Tassi bassi e alta volatilità oltre ai recenti scandali bancari e all’introduzione del bail in, portano gli italiani a scappare dai mercati finanziari e a ritornare al mattone. Se non riparte il mercato immobiliare sono guai per tutta l’economia” sottolinea il Presidente Fiaip Paolo Righi “e ora bisogna accelerare il passo  riducendo la pressione fiscale per quanto riguarda il mercato immobiliare italiano”.

Righi ha poi sostenuto come “gli investimenti sugli immobili da parte dei privati siano in chiara ripresa rispetto al passato, ma l’errata politica introdotta dai Governi Monti e Letta, ha causato una perdita del valore complessivo degli immobili di circa 2000 miliardi, questo ha causato svariati problemi sia alle banche che ai proprietari. Finché il settore non verrà liberato dalla zavorra fiscale introdotta dal Governo Monti, attraverso la triplicazione dell’imposizione patrimoniale, difficilmente si potrà rimettere in moto il mercato immobiliare italiano. L’eliminazione della tassazione sulla prima casa è stata senz’altro un primo passo, ma ora è necessario intervenire in maniera più incisiva su tutto il comparto”.

“Il sistema bancario ha sempre ravvisato negli immobili la garanzia patrimoniale più certa, non suscettibile di perdita di valore per inflazione. Oggi” sottolinea Paolo Righi “le stesse banche, piene di liquidità, stanno cercando di collocare i loro investimenti negli immobili, che possono dare garanzie di redditività a medio-lungo termine, e le giovani coppie stanno ritornando al contempo ad approcciarsi nuovamente  agli acquisti, dopo 8 anni di crisi, visti gli spread così bassi, i mutui assai convenienti e i prezzi degli immobili ancora in calo.  E’ evidente che in questa fase  conviene comperare, non solo la prima abitazione , ma anche le seconde case, da destinare all’affitto, beneficiando così di un regime fiscale agevolato. Consigliamo a tutti l’investimento immobiliare” sottolinea il Presidente Fiaip Righi “in quanto con il bail in (a parere di FIAIP totalmente incostituzionale),  c’è incertezza  diffusa tra i risparmiatori, che potrebbero essere chiamati a coprire un domani anche le falle di alcune banche già oggi in difficoltà. Bisogna però verificare attentamente dove si investe, nel caso di seconde case, in quanto la tassazione immobiliare locale varia notevolmente da città a città”.

Nel corso della trasmissione si è inoltre parlato del DDl Concorrenza, dell’ingresso di alcune banche nel mercato immobiliare italiano, oltre che del problema dei crediti deteriorati del sistema bancario.

“Questo governo continua a fare nuovi  favori ad alcune banche. Noi agenti immobiliari “ ribadisce Righi – contestiamo gli istituti di credito che oggi vendono di tutto da frigoriferi, a telefonini e spremi-agrumi, ad  immobili, cercando di disintermediare il mercato immobiliare.  Ci sono banche che mettono tutto il loro impegno per aiutare le imprese e le famiglie, altre che invece cercano di mandare a casa i piccoli professionisti e le imprese commerciali”

Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.