Approvate le linee guida classificazione sismica degli edifici: al via la messa in sicurezza del patrimonio immobiliare

Il 20 Febbraio scorso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (CSLP) ha approvato le ‘Linee guida per la classificazione sismica degli edifici”.

Corso Antisismica

Valuta questo articolo

Approvate le linee guida classificazione sismica degli edifici: al via la messa in sicurezza del patrimonio immobiliare Totale 5.00 / 5 2 Voti

Il 20 Febbraio scorso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (CSLP) ha approvato le ‘Linee guida per la classificazione sismica degli edifici”. Si attende, ora, il parere definitivo da parte del Ministero delle Infrastrutture che, con molta probabilità, sarà espresso il prossimo 28 Febbraio. Come già specificato, il documento approvato può consentire di migliorare i parametri antisismici di un intervento di messa in sicurezza di un immobile.

Il testo delle Linee guida per la classificazione sismica degli edifici, inoltre, va a completare il Sisma bonus ovvero il sistema degli incentivi economici che viene riconosciuto a chi avvia miglioramenti sugli interventi per il miglioramento simico degli immobili.

Si ricorda, tra l’altro, che sulle misure per l’emergenza sismica (articolo 51 della Legge di Bilancio) vanno ad incidere sulla ricostruzione privata e pubblica, il Governo è andato a destinare complessivamente, a coprire il credito di imposta privata per la ricostruzione, 100 milioni di euro per il 2017 e la concessione di contributi per la ricostruzione di edifici pubblici, servizi pubblici per il patrimonio artistico e culturale 200 milioni di euro per il 2017.

Tali finanziamenti si vanno a sommare agli spazi finanziari concessi agli enti locali (700 milioni di cui 300 sono erogati per l’edilizia scolastica).

Inoltre, l’articolo 2 della Legge di Bilancio (Sisma bonus) prevede che, per gli interventi realizzati dal 1° gennaio 2017, fino al 31 dicembre 2021 sugli edifici situati nelle zone sismiche 1, 2 e 3 viene riconosciuta una detrazione fiscale del 50%, con tetto di spesa incentivabile a 96mila euro e rimborso in cinque anni.

Altresì, per i lavori che comportano un miglioramento di una o due classi di rischio sismico, viene previsto un bonus dal 70% all’80% delle spese sostenute che rientrano nelle erogazioni incentivabili anche quelle per la classificazione e la verifica sismica.

Viene, infine, sottolineato che il testo delle Linee guida per la classificazione sismica degli edifici appena approvato dal Consiglio Superiore dei Lavori pubblici da molta rilevanza all’impostazione della Protezione Civile che prevede, grazie allo snellimento della procedura di verifica, un controllo più veloce e meno oneroso.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.