Interventi di Housing Sociale per il Friuli Venezia Giulia

Politiche di Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia: 8 milioni di euro per realizzare 443 alloggi da locare a canoni calmierati

Valuta questo articolo

Interventi di Housing Sociale per il Friuli Venezia Giulia Totale 5.00 / 5 4 Voti

Con l’obiettivo, politico e sociale, di mettere a disposizione case, appartamenti, e servizi abitativi a canoni di affitto calmierati e a prezzi di vendita contenuti, la Regione Friuli Venezia Giulia ha sottoscritto quote per circa 8 milioni di euro di un fondo di investimento immobiliare, denominato Fondo Housing Sociale (HS) FVG, gestito da Finint, una Finanziaria Internazionale di Investments, Società di Gestione del Risparmio (SGR) autorizzata dalla Banca d’Italia.

A darne notizia ufficiale la stessa presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani e l’assessore regionale all’Edilizia Mariagrazia Santoro nel corso di una conferenza stampa, tenutasi nei giorni scorsi a Trieste, alla quale hanno preso parte anche Ugo Debernardi, amministratore delegato di Finint e Paola Delmonte di Cassa Depositi e Prestiti (CDP) Investimenti SGR.

L’housing sociale che andrà ad essere realizzato è pensato specificatamente per tutti quei cittadini con un reddito medio basso, categorie sociale che non riescono a pagare un affitto o a contrarre un mutuo sul mercato privato e tuttavia non hanno i requisiti economici e sociali per accedere alle graduatorie dell’Edilizia residenziale pubblica, le cosiddette case popolari.

Una “fascia grigia” che la crisi ha messo in difficoltà, come l’ha definita la presidente Serracchiani, cui saranno destinati specifici bandi che prevedono un limite dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) di 29.000,00 euro l’anno.

In un contesto in cui “nell’ambito della Riforma dell’Edilizia“, così l’assessore Santoro, “sarà attivato uno Sportello Risposta Casa, attraverso il quale saranno date ai cittadini tutte le informazioni necessarie a ottenere un alloggio”.

In cosa consisteranno i lavori interessati dal fondo di Housing Sociale ufficializzato in questo periodo prenatalizio da parte dellam Regione Friuli Venezia Giulia?

“Si tratta prevalentemente di ristrutturazioni e non di nuovo consumo del suolo”, ha puntualizzato la presidente. Il Fondo HS FVG, promosso dal Consorzio Housing Sociale FVG e gestito da Finint Investments SGR,  ha già provveduto alla ristrutturazione e riqualificazione energetica di 18 alloggi a Pordenone e 12 a Maniago (previsti in tutto 27). Un altro intervento è in corso a Remanzacco. Altri ancora sono già programmati a Sacile (34 alloggi), San Daniele del Friuli (37), Gorizia (17), Udine (78), Trieste (94), Monfalcone (77) Mariano del Friuli (11) e Lignano (20).

L’obiettivo dichiarato è quello di ampliare ulteriormente la platea dei sottoscrittori del Fondo, coinvolgendo altri soggetti pubblici e privati per accrescere l’apporto finanziario e soddisfare in misura ancora maggiore il bisogno abitativo in Friuli Venezia Giulia.

Cosa si intende con il termine Housing Sociale ?

L’housing sociale consiste sostanzialmente nell’offerta di alloggi e servizi abitativi a prezzi contenuti destinati ai cittadini con reddito medio basso che non riescono a pagare un affitto o un mutuo sul mercato privato ma non possono accedere ad un alloggio popolare. L’HS garantisce integrazione sociale e benessere abitativo infatti in un unico complesso trovano posto sia alloggi popolari che rispondono alle politiche di un ente pubblico quanto alloggi privati gestiti da Fondazioni o Cooperative.

Storicamente in questa tipologia di immobili (da non confondere sia chiaro con gli interventi di edilizia popolare ndr ) vi è una particolare attenzione anche nella selezione stessa degli abitanti, in modo da creare una comunità il più possibile ricca ed equilibrata. In un progetto di Housing sociale , se realizzato seguendo i dettami quasi scientifici con cui è nato, ogni progetto pratico deve infatti prevedere una quota di giovani coppie, una percentuale di single, di anziani, di disabili, una quota di immigrati, e cosi via. Scelte dettate dall’obiettivo di garantire la massima differenziazione possibile all’interno dell’area soggetto a quello che in tanti continuano a definire come una sorta di progetto socio abitativo.

Tra i pionieri italiani del settore si annoverano Cassa depositi e prestiti, Regione Lombardia, Comune di Milano e Fondazione Cariplo.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.