Jobs Act Autonomi: il ruolo sociale dei professionisti italiani

Il Jobs Act autonomi è stato oggetto di un approfondimento in occasione dell’incontro presso il Ministero della Giustizia al quale hanno partecipato i Presidenti dei Consigli degli Ordini professionali.

Valuta questo articolo

Jobs Act Autonomi: il ruolo sociale dei professionisti italiani Totale 5.00 / 5 3 Voti

Lo scorso 3 novembre 2016 è stato approvato dal Senato il Ddl 2233 sul lavoro autonomo non imprenditoriale (Jobs Act autonomi), ora approdato alla Camera dove è stato assegnato alla Commissione lavoro. Al fine di approfondire le tematiche più rilevanti contenute nel provvedimento, il Ministero della Giustizia ha organizzato un incontro al quale hanno partecipato i Presidenti dei Consigli Nazionali delle professioni ordinistiche da esso vigilate. A rappresentare il Ministero c’erano i Sottosegretari Federica Chiavaroli e Romano Nannicini, ai quali poi si è aggiunto il Ministro Andrea Orlando. A guidare la delegazione della Rete Professioni Tecniche c’era il Coordinatore Armando Zambrano (Presidente CNI), affiancato da Maurizio Savoncelli (Presidente CNGeGL), Giampiero Giovannetti (Presidente CNPIePIL), Lorenzo Benanti (Presidente CNPAePAL) e dai delegati Fabrizio Pistolesi (Consigliere Segretario CNAPPC), Riccardo Pisanti (Consigliere Segretario CONAF), Renato Soma (Consigliere CNC) e Sabrina Scotto Di Carlo (Consigliere OTAN).

“E’ stato un incontro molto cordiale e proficuo” ha commentato al termine Armando Zambrano, Coordinatore della RPT e Presidente del CNI “Il Ministro e i Sottosegretari hanno sottolineato l’importanza degli Ordini professionali. In particolare hanno ribadito il nostro ruolo di sussidiarietà per cui noi ci siamo a lungo battuti e che è stato inserito sotto forma di articolo nel Jobs Act autonomi”.

“Oltre a questo” ha aggiunto Zambrano “ci sono altri elementi da approfondire. Mi riferisco a temi quali l’attribuzione della gestione delle controversie tra professionista e committente al tribunale del lavoro, la nullità delle clausole vessatorie, il rispetto dei tempi dei pagamenti e more sui pagamenti e soprattutto le tariffe di solo riferimento, legate a standard professionali di qualità. Ci auguriamo che anche su questo il Ministero si attivi per farle inserire nel testo del Jobs Act autonomi attualmente in esame alla Camera”.

“Ministro e Sottosegretari hanno ribadito” ha detto Maurizio Savoncelli, Consigliere RPT e Presidente del CNGeGL “la ferma intenzione di rafforzare il ruolo del Ministero della Giustizia quale vigilante sulle professioni, riconoscendo alle stesse di far parte integrante dello Stato e di svolgere un ruolo sociale. Dette dichiarazioni, ovviamente, raccolgono il consenso dei Consigli Nazionali che da tempo chiedono proprio questo al Ministero, in virtù delle molteplici attività intraprese nell’ambito della riforma delle professioni e a tutela dei professionisti ordinistici, spesso oggetto di attacchi da parte di altri soggetti anche istituzionali”.

“Cogliendo lo spirito di ripresa del dialogo” ha affermato Lorenzo Benanti, Consigliere RPT e Presidente del CNPAePAL “auspichiamo un’accelerazione dell’iter di riforma delle professioni, relativamente ai regolamenti elettorali, alla formazione continua ed alla riorganizzazione territoriale, fermi ormai da tempo”.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.