Competenze professionali in zona sismica dell’ingegnere civile e ambientale junior

Competenza degli Ingegneri iunior in materia di progettazione strutturale e direzione dei lavori con particolare riferimento alle opere in zona sismica

Corsi Crediti Ingegneri

Valuta questo articolo

Competenze professionali in zona sismica dell’ingegnere civile e ambientale junior Totale 5.00 / 5 4 Voti

Si avverte da tempo, cosi richiedono diverse associazioni di categoria professionale, la necessità di chiarimenti sulle competenze professionali Ingegneri iunior iscritti alla sezione B dei rispettivi albi provinciali, relativamente al settore “Ingegneria civile e ambientale” in materia di progettazione strutturale e direzione dei lavori con particolare riferimento alle opere in zona sismica.

“Essendo pervenuta a questa Consulta richiesta di parere in tal senso, si è ritenuto opportuno analizzare tale problematica partendo dall’esame puntuale della normativa che definisce le predette competenze, tenendo conto della sua evoluzione giurisprudenziale nonché dei pareri di autorevoli esperti in materia ed alla luce del percorso formativo della figura professionale interessata.”

Cosi si legge sul documento pubblicato a inizio 2016 dalla Consulta dell’ordine degli ingegneri della Sicilia

“In un preteso universo interpretativo” afferma la consulta “che spesso riconduce ogni analisi a quella semplicemente nominalistica, ripetendo spesso pedissequamente il testo normativo senza introdurre concreti elementi di discernimento operativo, un po’ di chiarezza e stata fatta con la sentenza n. 686, depositata in data 09/02/2012, della Sezione Quarta del Consiglio di Stato, in sede giurisdizionale, che è intervenuta sul tema delle competenze professionali degli ingegneri iunior che hanno completato il percorso di Laurea triennale iscrivendosi alla sezione B dell’albo professionale.”

I giudici del Consiglio di Stato, pur rilevando la specificità della progettazione in zona sismica, hanno ammesso che la ricorrenza del criterio legittimante previsto ex lege “costruzioni civili semplici, con l’uso di metodologie standardizzate” non possa essere aprioristicamente escluso sempre e comunque, allorché verte nel campo della progettazione strutturale e direzione dei lavori in dette aree, e necessiti di una valutazione caso per caso, che tenga conto in concreto dell’opera prevista, delle metodologie di calcolo utilizzate, e che potrà essere tanto più rigida e “preclusiva”, allorché l’area sia classificata con un maggiore rischio sismico.

Sulla base di quanto sancito, ed al fine di poter operare sul territorio quali professionisti abilitati, si avverte in questa sede la necessita di ricercare e fornire ulteriori chiarimenti circa i limiti qualitativi e quantitativi della competenza degli Ingegneri Iuniores iscritti nell’albo professionale, nella sezione “B” settore Civile e Ambientale.

I chiarimenti attengono sostanzialmente:

  • alla chiara identificazione delle tipologie di costruzioni civili semplici, realizzate con l’uso di metodologia standardizzata, tale che risulti superflua la sancita “valutazione caso per caso”;

  • alla identificazione delle tipologie di costruzioni civili, che necessitano di una valutazione caso per caso, al fine di stabilirne la loro semplicità e il ricorso per la loro progettazione a metodologie standardizzate.

Alla luce delle considerazioni espresse dalla Consulta degli ingegneri della regione Sicilia,possiamo condividere il seguente criterio di suddivisione delle competenze, per l’esercizio delle attività relative alla progettazione strutturale delle costruzioni in zona sismica con riferimento alle competenze professionali ingegneri iunior civili e ambientali 

Rientrano nelle competenze professionali anche di un ingegnere iunior civile e ambientale le costruzioni civili semplici per le quali le attività dell’ingegnere sono basate sull’applicazione di metodologie standardizzate e che rientrano nelle classi d’uso I e II, come definite nel paragrafo 2.4.2 delle Norme tecniche delle costruzioni (D.M. 14.01.2008), fin tanto che, secondo le disposizioni di legge, possono essere esaminate con il metodo di analisi lineare;

Possono rientrare nelle competenze professionali dell’ingegnere civile ambientale iunior previa valutazione “caso per caso” da parte degli enti competenti le costruzioni civili semplici per le quali le attività dell’ingegnere sono basate sull’applicazione di metodologie standardizzate e che rientrano nelle classi d’uso III e IV come definite nel paragrafo 2.4.2 delle Norme tecniche delle costruzioni (D.M. 14.01.2008), fin tanto che, secondo le disposizioni di legge, possono essere esaminate con il metodo di analisi lineare (cfr. paragrafo 7.3.3.2 NCT2008);

Sono invece escluse dalle competenze professionali di un ingegnere iunior civile e ambientale tutte le costruzioni, di qualsiasi classe, qualità, consistenza, importanza, etc., che, secondo le disposizioni di legge al momento dell’esame, devono necessariamente essere esaminate con metodi sperimentali e\o innovativi e comunque con metodi di calcolo del II ordine.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.