Casa mercato si risveglia: compravendite +18%. Ma cala produzione imprese: -2,4%

Casa mercato si rimette in moto: nel primo trimestre 2016 acquisti e vendite di immobili sono stati 159.932, un aumento del 17,9%

Corso Valutazione Immobiliare

Valuta questo articolo

Casa mercato si risveglia: compravendite +18%. Ma cala produzione imprese: -2,4% Totale 5.00 / 5 3 Voti

Casa mercato si rimette in moto: nel primo trimestre 2016 acquisti e vendite di immobili sono stati 159.932, in aumento del 17,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. E’ quanto emerge da un’analisi dell’Ufficio studi di Confartigianato.

Gli italiani hanno ricominciato a investire nel mattone, una tendenza che continua da 1 anno ed è confermata dall’Osservatorio Immobiliare dell’Agenzia delle entrate che, tra gennaio e marzo 2016, registra un aumento delle transazioni del 17,3 % rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Le compravendite immobiliari sono favorite dal calo dei prezzi: a marzo 2016, fa rilevare l’Ufficio studi di Confartigianato, sono in diminuzione dell’1,2% su base annua. La discesa è più accentuata (-1,4%) per le abitazioni esistenti, rispetto a quelle nuove (-0,7%). E, a proposito di prezzi, l’ultimo sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia pubblicato da Banca d’Italia indica per il I trimestre 2016 una riduzione media tra il prezzo richiesto dal venditore e quello effettivamente pagato pari al 13,8%, in miglioramento rispetto al trimestre precedente (14,2%) e rispetto allo stesso trimestre del 2015 (15,0%).

Il risveglio di casa mercato è confermato dai prestiti alle famiglie per comprare casa: a maggio, ammontano a 363.208 milioni di euro, e nell’ultimo anno sono cresciuti di 4.204 milioni, pari all’1,2% in più.

A registrare il maggiore aumento di compravendite sono le abitazioni (+18,6%), seguite dalle unità immobiliari ad uso economico (+8%). A livello territoriale, il mercato immobiliare è più vivace nelle regioni del Nord Ovest, che traina la crescita con il +20,7%. Sotto la media nazionale il trend nelle Isole (+16,5%), nel Sud (+16,3%) e nel Centro (+15,8%).

Superiore al trend complessivo, l’aumento di acquisti e vendite nelle città metropolitane che, sulla base delle convenzioni notarili di compravendita per unità immobiliari, si attesta al 19,1%. Nei piccoli centri, invece, la crescita si ferma al 16,9%.

Sul fronte delle imprese, il mercato dell’edilizia, in cui operano 515.437 imprese artigiane, il 38,2% del totale dell’artigianato italiano,  si mostra ancora debole. A luglio è leggermente cresciuta la fiducia (l’indice è passato da 121,6 a 126,2), sono migliorati i giudizi su ordini e piani di costruzione (con un saldo attestato a -24), e sono stabili le aspettative sull’occupazione (-9). Ma la produzione nelle costruzioni è ancora negativa: tra aprile e maggio si attesta a -3,6% e nei primi cinque mesi del 2016 il dato – corretto con i giorni lavorativi – segna un calo del 2,4%.

Insomma, dalla fotografia scattata dall’Ufficio studi di Confartigianato, e confermata dall’Istat, la situazione del settore del mercato della casa si rimette in moto: nel primo trimestre 2016 acquisti e vendite di immobili sono stati 159.932,è ancora fragile e caratterizzata da una notevole variabilità. Ce ne vuole per recuperare il calo del 42,4% della produzione tra il 2007 e il 2015. Per questo, avverte Confartigianato, è urgente affrontare e risolvere le incertezze applicative del nuovo Codice degli appalti che stanno provocando il calo delle commesse della Pubblica amministrazione.

Tutti I Corsi
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.