Fondi europei per liberi professionisti: il caso, positivo, della Regione Veneto

“ Geometri… avanti tutta nel tracciare il percorso di accesso ai finanziamenti relativi ai Fondi Europei e, in particolare, a quelli legati ai POR”

Valuta questo articolo

Fondi europei per liberi professionisti: il caso, positivo, della Regione Veneto Totale 5.00 / 5 3 Voti

Un documento che illustra alla Regione Veneto come declinare gli ambiti di intervento ‘a misura di professionista’. Per ciascun punto, in evidenza sia il beneficio per la pubblica amministrazione, sia le opportunità professionali per i tecnici. Ecco le novità annunciate dal Geometra Vincenzo Paviato del Collegio dei Geometri della provincia di Rovigo, rappresentante della Rete delle Professioni Tecniche in Veneto. Un documento che punta a dare il giusto risalto alla materia dei fondi europei per liberi professionisti. Una materia che spesso, con l’eccezione dei consiglio nazionale dei geometri, viene trascurata e considerata quasi di secondo piano.

“In tema di POR (Programmi Operativi Regionali) con la Regione Veneto abbiamo fin da subito avviato una fattiva collaborazione, che ci ha permesso di presentare un documento di importanza strategica riguardante i fondi europei per liberi professionisti”.

Con queste parole il Geometra Vincenzo Paviato ha illustrato le ultime iniziative sulla diffusione dello strumento dei fondi europei per liberi professionisti, che ha condotto in qualità di rappresentante della RPT nella Regione Veneto.

“Si tratta di un testo con cui la Rete delle Professioni Tecniche illustra alla Regione Veneto cosa si intende esattamente per bandi ‘a misura di libero professionista’, o meglio una declinazione puntuale alle voci di finanziamento a disposizione affinché siano pienamente utilizzabili dai tecnici. A questo punto”, aggiunge il professionista, “confidiamo che da settembre siano emanati i primi bandi regionali, basati anche sulle specifiche esigenze elencate. Questo passo in avanti rappresenta un enorme risultato se si pensa che finora i bandi europei sono stati ritagliati unicamente sulla conformazione dell’impresa e non del consulente a partita iva”.

Per dirla in breve, dunque, geometri avanti tutta nel tracciare il percorso di accesso ai finanziamenti relativi ai Fondi Europei e, in particolare, a quelli legati ai POR, i Programmi operativi Regionali.

Dopo la delibera di Giunta della Regione Veneto che ha ammesso la Rete delle Professioni Tecniche a partecipare al Tavolo di Partenariato (TdP) e del Comitato di Sorveglianza (CdS), attuando l’inserimento con finalità consultive di una voce importante del mondo professionale, è il momento per il governo regionale di tener conto di come declinare le misure di intervento affinché i professionisti ne siano i reali protagonisti.

Per questo motivo, la Rete delle Professioni Tecniche, che in Veneto ricordiamo è rappresentata dal Geometra Vincenzo Paviato del Collegio Provinciale dei Geometri e Geometri Laureati di Rovigo, ha elaborato e presentato un documento alla Regione Veneto che illustra con precisione le tipologie degli incentivi e dei finanziamenti a misura di professionista

A queste linee guida, che vogliono favorire il lavoro minuto di identificazione dei specifici fabbisogni legati ai liberi professionisti, vengono aggiunte alcune precise e prime proposte puntuali. Le proposte sono cinque e sono dedicate al catasto delle infrastrutture pubbliche, al catasto degli edifici pubblici, al piano infrastrutturale per la ricerca dei veicoli elettrici, alla prevenzione degli allagamenti e alla formazione professionale.

“La possibilità di accesso ai bandi di finanziamento regionali per i liberi professionisti” ha affermato il segretario nazionale CNGeGL Ezio Piantedosi “grazie al risultato ottenuto dalla Rete delle Professioni Tecniche in Veneto, ci fa ben sperare di essere finalmente passati da una fase teorica, di concertazione, ad una fase attuativa, più operativa. Il mio auspicio è che tale risultato ora possa essere replicato ben presto in tutte le altre Regioni. Alla base di ogni intento, naturalmente, non verrà meno l’impegno che CNGeGL ha assunto verso gli iscritti e che si è finora tradotto in mirate azioni di advocacy verso il Governo centrale e locale. Un intervento finalizzato a perorare gli interessi della categoria e, più in generale, del mondo libero professionale, indiscussa voce del PIL attuale e futuro. Compiendo idealmente un passo in avanti nel sostegno istituzionale anche da parte nostra”, ha concluso Ezio Piantedosi, “dopo aver promosso azioni strategiche per la categoria, CNGeGL vuole ora mettere a disposizione dei geometri gli strumenti idonei per consentire loro di poter ‘leggere’ correttamente i bandi di finanziamento, oltre a saper redigere richieste puntuali e vincenti”.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.