Partite iva: tutte le novità del disegno di legge sul lavoro autonomo

Il disegno di legge sul lavoro autonomo punta ad estendere ai lavoratori autonomi una serie di importanti tutele professionali: dal congedo parentale all’indennità di malattia

Valuta questo articolo

Partite iva: tutte le novità del disegno di legge sul lavoro autonomo Totale 5.00 / 5 4 Voti

Il disegno di legge sul lavoro autonomo punta ad estendere ai lavoratori autonomi, solitamente poco considerati da parte delle riforme sul lavoro, tutta una serie di “tutele sindacali” ad oggi assolutamente non previste per questa categoria.

La riforma contenuta all’interno del disegno di legge sul lavoro autonomo infatti presenta al suo interno una lunga serie di interventi normativi che andranno a modificare istituti fondamentali, si va dal congedo parentale, alla maternità, passando per le indennità di malattia. L’obiettivo dichiarato è quello di migliorare la tutela verso il cosiddetto popolo degli autonomi, le partite IVA italiane, che nel corso degli ultimi anni hanno visto deteriorarsi la loro situazione economica.

Tra le novità più interessanti ricordiamo sicuramente la conferma dello sconto fiscale per quanto speso dai liberi professionisti per la formazione professionale continua. Uno sconto che dal precedente 50%, è stato portato al 100% con un tetto massimo di 10.000 euro, si prevede infatti un possibile boom per quanto riguarda il mercato della formazione professionale. Il libero professionista inoltre, in caso di malattia grave che superi i 30 giorni potrà d’ora in poi decidere di non pagare i contributi previdenziali fino a massimo 2 anni.

Il disegno di legge sul lavoro autonomo introduce inoltre anche un divieto, per i contratti fra committente e professionista, di modificare unilateralmente le condizioni di contratto a pena di nullità. Dichiarate nulle inoltre le clausole contrattuali che fissano termini di pagamento troppo lunghi (superiori ai 60 giorni ndr )

Il disegno di legge sul lavoro autonomo introduce poi un altro ulteriore sconto per quanto riguarda le spese che non superano i 5mila euro relative ai servizi personalizzati di certificazione delle competenze e orientamento erogati da organismi accreditati.

Cosa prevede il disegno di legge sul lavoro autonomo per quanto riguarda la tutela assicurativa, i bandi e le gare pubbliche ?

Il Ddl sul lavoro autonomo stando alle carte, sembra andare decisamente incontro ai giovani professionisti italiani in un settore spesso dibattuto e ricco di contrasti, quello del recupero crediti.

Giovani professionisti e partite Iva possono ora scegliere di sottoscrivere una polizza assicurativa che li possa tutelare nel caso di ritardo nei pagamenti delle fatture. Per agevolare l’introduzione di questa innovazione, sempre all’interno del Ddl sul lavoro, è stata prevista anche la possibilità di portare in detrazione i premi pagati. Ma le innovazione a tutela dei professionisti non si sono fermate al lato assicurativo. La legge di Stabilità 2016 introduce infatti anche delle importanti novità a tutela del lato creativo delle partite Iva. Coloro che inventeranno qualcosa di originale durante l’esecuzione, o in adempimento del contratto, avranno infatti il diritto di utilizzo economico sull’invenzione. Novità anche per quanto riguarda l’accesso ai bandi di gara delle P.A..

D’ora in poi le pubbliche amministrazioni non potranno più limitare agli autonomi la partecipazione ai progetti. Viene sancita, in questo caso, la completa equiparazione tra lavoratore autonomo (che dimostri il possesso delle competenze richieste ndr) e gruppi di professionisti.

Importanti novità in arrivo inoltre anche per quanto riguarda la materia della maternità per i professionisti. Le coppie che hanno programmato un figlio potranno ora ricevere l’indennità di maternità (un indennità che viene erogata dall’Inps dopo la presentazione di una domanda in carta libera a cui deve essere allegato anche un certificato medico rilasciato dalla Asl ndr ) pur continuando a lavorare. Anche per quanto riguarda le partite IVA italiane inoltre alla nascita del bambino sarà possibile ottenere un congedo parentale di sei mesi.

Tutti I Corsi
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.