Guida completa al catasto 2016 redatta dall’agenzia delle Entrate

Tele Catasto 2016: In una Circolare dell’Agenzia delle Entrate tutte le risposte ai quesiti della stampa specializzata

Corso Docfa

Valuta questo articolo

Guida completa al catasto 2016 redatta dall’agenzia delle Entrate Totale 3.67 / 5 3 Voti

Dalle agevolazioni sulla “prima casa” alla rendita degli “imbullonati”, passando per compravendite, locazioni, leasing abitativo e impianti eolici, impianti fotovoltaici e di risalita. Sono questi i principali argomenti della circolare n. 27/E pubblicati nei giorni scorsi, con cui l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti ai quesiti posti dalla stampa specializzata in occasione dei 130 anni del Catasto, nell’ambito della nuova iniziativa editoriale Tele Catasto2016 realizzata in collaborazione con il Sole24Ore.

Che cosa è Tele Catasto 2016? L’Agenzia delle Entrate, in collaborazione con il Sole24Ore, ha lanciato nei giorni scorsi una nuova iniziativa editoriale con l’obiettivo di instaurare un rapporto sempre più diretto e al passo con i tempi con gli operatori del settore. Le risposte ai dubbi più frequenti sulla fiscalità immobiliare sono state raccolte in un video, disponibile sul canale YouTube dell’Agenzia e sul sito del Sole24Ore, e sono poi confluite nella circolare delle Entrate pubblicata pochi giorni fa.

Quali sono i principali chiarimenti posti in essere dall’Agenzia delle Entrate per quanto riguarda i quesiti più diffusi sul Catasto 2016? Vediamo qui di seguito alcune voci illustrate sul sito informativo dell’Agenzie delle Entrate.

Costruzioni Scoperte: le abitazioni e gli immobili produttivi caratterizzati dalla presenza di muri perimetrali e interni sostanzialmente integri ma privi della copertura, quando lo stato di fatto non ne consente comunque l’iscrizione in altra categoria catastale, possono essere registrate nella “F/2 – unità collabenti”, che identifica le costruzioni caratterizzate da un notevole livello di degrado.

Costruzioni Infinite: in caso di immobili non ultimati, solitamente inseriti impropriamente a tempo indeterminato nelle categorie catastali “F/3 – Unità in corso di costruzione” ed “F/4 – Unità in corso di definizione”, il Comune sul cui territorio insistono può segnalare la circostanza al competente ufficio dell’Agenzia delle Entrate per le verifiche del caso. A tal fine, può avvalersi della legge 662/1996 (articolo 3, comma 58), quando il classamento risulta non aggiornato o palesemente non congruo rispetto a fabbricati similari, oppure fare riferimento alla legge 311/2004 (articolo 1, comma 336), per segnalare situazioni non più coerenti per intervenute variazioni edilizie.

Pali e strutture di sostegno: dal prossimo primo luglio 2016, gli elementi di rete e le infrastrutture realizzate per le istallazioni di telefonia mobile non devono essere presi in considerazione nella determinazione della rendita catastale. Il discorso cambia quando si parla di strutture di sostegno degli aerogeneratori delle centrali eoliche. Queste infatti risultano essere vere e proprie torri immobilizzate al suolo, con un interno, spesso dotate di scale; in pratica, più che di pali, si tratta di vere e proprie costruzioni.

Rendita e revisione catastale: la rendita catastale di un immobile dipende non solo dalle caratteristiche proprie del fabbricato che la ospita e dalla destinazione dell’unità stessa, ma anche da quelle estrinseche, come l’ubicazione e i servizi territoriali disponibili. Sono queste ultime infatti a determinare il livello di redditività dell’immobile. Nei processi di revisione catastale avviati su richiesta dei Comuni, infatti, gli uffici delle Entrate effettuano una verifica generalizzata dei classamenti attribuiti a tutte le unità immobiliari ubicate in specifici contesti territoriali ben definiti, in cui è stato riscontrato un anomalo scostamento tra valori medi di mercato e valori medi catastali.

Catasto 2016 Immobili Imbullonati: le installazioni fotovoltaiche realizzate su edifici e su aree di pertinenza, non devono essere accatastate come unità immobiliari autonome, in quanto possono essere assimilate agli impianti di pertinenza degli immobili. In caso di installazioni che sono pertinenze di unità immobiliari a destinazione speciale e particolare (gruppi catastali D ed E), c’è invece l’obbligo di dichiarazione di variazione.

Impianti di risalita: gli impianti di risalita quando hanno destinazione esclusivamente o prevalentemente commerciale continuano a dover essere accatastati nella categoria “D/8 – Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni”.

Abitazioni contigue: in questo caso non basta chiedere all’ufficio delle Entrate l’inserimento di un’apposita annotazione negli atti catastali per dare evidenza dell’unione di fatto ai fini fiscali, ma vanno presentate due distinte dichiarazioni di variazione.

Contratti di Locazione: la norma della Legge di Stabilità 2016 che ha introdotto l’obbligo, per il solo proprietario, di registrare il contratto di locazione nel termine perentorio di trenta giorni dalla data della sua stipula, ha natura civilistica; poiché non è mutata la disciplina dell’imposta di registro, l’obbligo di richiedere la registrazione e di pagare la relativa imposta resta in capo a tutte le parti contraenti (locatore e conduttore) oppure all’eventuale agente immobiliare intervenuto per la conclusione del contratto.

Leasing Abitativo:  i requisiti anagrafico (se si hanno 35 o più anni, i vantaggi fiscali sono dimezzati) e reddituale (non oltre i 55mila euro) per accedere alla detrazione delle spese sostenute per i contratti di leasing abitativo (articolo 15, comma 1, lettere i-sexies.1) e i-sexies.2), del Tuir) devono essere verificati solo al momento della stipula del contratto. Perm quanto riguarda invece gli oneri accessori, non sono detraibili quelli sostenuti per l’eventuale stipula di contratti di assicurazione sugli immobili né gli eventuali costi di intermediazione sostenuti da chi concede il finanziamento per la ricerca dell’immobile.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.