Green economy: nascono le smart city sostenibili

Conclusa a Rimini la fiera Ecomondo, in mostra il futuro delle smart city

Valuta questo articolo

Green economy: nascono le smart city sostenibili Totale 5.00 / 5 2 Voti

Il futuro delle smart city. Un innovativo franchising del riciclo incentivante, un sistema che consente di trasformare in poche ore i rifiuti organici in residui secchi, un programma che rivoluziona la pausa caffè nel segno della sostenibilità, nuove casette dell’acqua per ridurre i rifiuti. Sono solo alcune delle proposte che Eurven ha presentato al pubblico in occasione dell’ultima edizione di Ecomondo. La manifestazione tenutasi a Rimini dal 5 all’8 novembre ha mostrato al pubblico un ricco e diversificato ventaglio di soluzioni per trasformare la vita delle città, e dei suoi abitanti. Soluzione per la smart city del futuro nel segno della sostenibilità ambientale.

Franchising del riciclo nella smart city di domani:

 I rifiuti sono un settore chiave da cui iniziare ad innovare nel segno della sostenibilità. In questo ambito si inserisce Top Recycling, l’innovativo franchising del riciclo incentivante, sviluppato con tecnologie a basso impatto ambientale. Il progetto parte dall’adozione dei “riciclatori”: macchine che permettono la micro-raccolta di materiali pregiati (plastica PET, alluminio, etc.) attraverso sistemi di “riciclo incentivante” che riconoscono un bonus al cittadino virtuoso. Top Recycling punta a valorizzare economicamente i materiali conferiti creando una rete di piccole imprese a cui affidare la gestione e la raccolta in collaborazione con riciclatori riconosciuti a livello nazionale.

Pausa caffè sana, eco e bio:

 Incentivare i consumatori ad orientarsi verso l’adozione di stili di vita più sani è invece l’obiettivo di Piùinforma, un programma di educazione ed informazione, che coinvolge aziende, professionisti, enti pubblici ed scuole: un insieme di realtà da cui far partire un nuovo stile alimentare rivoluzionando la pausa caffè. Piùinforma realizza, infatti, allestimenti presso i luoghi di lavoro proponendo distributori automatici con bevande calde di alta qualità, snack biologici, senza glutine, senza zuccheri aggiunti e vegan. Nei distributori sono inoltre integrate macchine per la raccolta, la separazione e la riduzione dei rifiuti: tutti macchinari a basso consumo energetico ed illuminazione a led.

Acqua alla spina per una smart city ecosostenibile:

Rimanendo in tema di consumi c’è tuttavia da ricordare una cattiva abitudine tutta italiana che “pesa” sull’ambiente e sul portafoglio. L’Italia risulta essere il Paese europeo con il più elevato consumo pro-capite di acqua imbottigliata pari a 192 litri all’anno per persona. Un’abitudine che costa in media annualmente ad ogni famiglia 234 euro e comporta notevoli emissioni di CO2 in atmosfera. Ad Ecomondo2014 è stato possibile scoprire le nuove Casette dell’acqua: una soluzione che riduce l’impatto della produzione di rifiuti e permette di avere un’acqua di qualità garantita.

Compostaggio domestico:

Una fetta consistente dei rifiuti è tuttavia rappresentata dai residui organici. Mares Group ha presentato un sistema innovativo che consente di trasformare in poche ore i rifiuti organici in residui secchi, riducendone notevolmente l’ingombro. La tecnologia impiegata accelera il processo di riduzione del rifiuto organico mediante un sistema di essicazione, sterilizzazione e miscelatura adatto a residui alimentari e ad ogni rifiuto organico.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.