I geometri italiani riferimento per la definizione di Standard Internazionali per la Misurazione del Territorio

Standard Internazionali per la Misurazione del Territorio: cosa sono e come possono cambiare la professionalità dei Geometri Italiani

Corso Docfa

Valuta questo articolo

I geometri italiani riferimento per la definizione di Standard Internazionali per la Misurazione del Territorio Totale 5.00 / 5 3 Voti

A Roma nella sede della UN-FAO sono stati presentati gli obiettivi della Coalizione degli Standard Internazionali per la Misurazione del Territorio . Insieme al CNGeGL, che rappresentava l’Italia, hanno partecipato e sono membri fondatori della coalizione i rappresentanti dei geometri delle nazioni Australia, Austria, Botswana, Germania, Ghana, Islanda, Regno Unito, Spagna, Sud Africa, Francia e Svizzera e dell’Associazione dei Geometri Europei CLGE.

Gli obiettivi della Coalizione per òo sviluppo degli Standard Internazionali per la Misurazione del Territorio, consistono nel ricercare un modello interconnettibile, da proporre alle singole nazioni, per la precisa catalogazione dei beni immobili (soprattutto i terreni) e la relativa affidabile pubblicità immobiliare.

Il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati ha deliberato di aderire alla Coalizione ILMS, costituita da tecnici di tutto il mondo per la definizione degli ”Standard Internazionali per la Misurazione del Territorio”.

Gli obiettivi della Coalizione sono stati definiti nel corso dell’incontro, svolto a Roma, nei giorni 9 e 10 giugno 2016, presso la UN-FAO. Essi consistono nel ricercare un modello interconnettibile, da proporre alle singole nazioni, per la precisa catalogazione dei beni immobili (soprattutto i terreni) e la relativa affidabile pubblicità immobiliare.

L’esigenza di uno Standard Internazionale per la Misurazione del Territorio nasce dalla circostanza che in moltissimi Paesi del mondo il territorio non è né rappresentato, né catalogato con la precisione opportuna sia per i fini fiscali, sia e soprattutto per la certezza dei diritti..

In tali Paesi, nonostante l’importanza della terra, il cui possesso risulta essenziale in ordine alla sicurezza alimentare, solo meno del 50% delle terre fruibili è ufficialmente registrato. Esistono diffuse realtà geografiche in cui la incertezza dei diritti, dei vincoli sull’uso e lo spreco delle risorse della terra, della pesca e delle foreste rende difficoltoso l’equilibrato e compatibile sviluppo.

In tali condizioni, la diffusione di regole (sostenute come obiettivo primario dalla UN-FAO affiancata da numerose rappresentative nazionali) e la loro osservanza si afferma come mezzo efficace per  proteggere la vita, sradicare la fame, la povertà e l’aggressione all’ambiente.

L’Italia, a seguito dello straordinario sviluppo del sistema catastale e della pubblicità immobiliare (oggi nell’ambito dell’Agenzia delle Entrate) avvenuto negli ultimi anni, oggi dispone di un sistema Catasto di tipo telematico talmente efficiente, trasparente e fruibile da risultare tra le eccellenze riconosciute a livello internazionale.

Il sistema Catastale Italiano, presentato da giovani geometri italiani in occasione della Working Week della Federazione Internazionale dei Geometri (FIG), tenutasi in Nuova Zelanda nello scorso mese di maggio, ha suscitato molto interesse soprattutto in relazione alla sua potenzialità di costituire il primario punto di accesso per l’acquisizione on line, oltre che di affidabili dati censuari, delle informazioni integrate del territorio (GIS, urbanistiche, idrogeologiche...). Tale sistema può costituire un ottimo punto di riferimento per raggiungere gli obiettivi che la Coalizione ILMS.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.