Formare i formatori per la sicurezza: tutti i perché di una corretta formazione

Quale il vero obiettivo di formare i formatori per la sicurezza? Perché investire soldi e tempo nella formazione dei formatori?

Formazione Formatori Sicurezza

Valuta questo articolo

Formare i formatori per la sicurezza: tutti i perché di una corretta formazione Totale 5.00 / 5 5 Voti

Nel corso degli ultimi anni gli incidenti sul lavoro, anche se diminuiti continuano a rappresentare un triste allarme sociale. Sarroch, Molfetta, Torino, Treviso, Modena, Palermo,  la mappa degli infortuni sul lavoro è purtroppo ricca di punti insanguinati.

Ogni città, ogni paese,  rappresenta un dramma, una tragedia, causata anche dalla poca attenzione che, forse, si è posta nel formare i formatori per la sicurezza nel corso degli anni.

Sono in tanti infatti a sostenere che delle volte, un corretto percorso che consenta di formare i formatori per la sicurezza potrebbe limitare, sicuramente non eliminare sia chiaro, quella che alcuni giornali hanno definito una “strage bianca”.

Quale importanza rivestono oggi le attività finalizzate a formare i formatori per la sicurezza?

Per poter definire questo tipo di attività è, innanzitutto, necessario soffermarci, sulla profonda trasformazione che negli ultimi anni ha coinvolto la formazione della “sicurezza” in Italia. La “sicurezza” è sempre stata vista come un problema tecnico, in mano a tecnici, i quali erano anche gli unici esecutori delle attività formative. Una logica sbagliata che nel tempo ha partorito un tipo di formazione altamente specializzata ma lontana dalle vere esigenze di comunicazione che un tipo di corso del genere avrebbe invece richiesto.

Se esaminiamo le statistiche sugli infortuni infatti, i problemi e gli incidenti, per circa l’80%, accadono non perché i lavoratori non siano a conoscenza di dettagliate caratteristiche tecniche, ma accadono soprattutto per problemi umani e gestionali.

Il vero problema quindi, non è quello di illustrare problematiche tecniche particolari, quello bene o male è stato fatto nel corso degli anni, il vero problema che oggi i corsi di formazione dedicati a formare i formatori per la sicurezza devono affrontare riguardano l’efficacia e la qualità della comunicazione.

Da questa tesi però si può dedurre quindi che la figura del formatore sta profondamente modificando le proprie caratteristiche. Da docente a facilitatore fino anche ad arrivare a essere un vero e proprio coach per la “sicurezza”.

Per raggiungere questo risultato e completare cosi questa sorta di evoluzione,  il formatore ha necessità di accrescere le sue competenze “umanistiche” in ambito formativo, migliorare nel tempo l’utilizzo di strumenti didattici, apprenderne di nuovi, confrontarsi con altri formatori.

Per questo, al fine di formare i formatori del futuro, negli ultimi anni risulta essere cresciuta esponenzialmente, l’esigenza di creare corsi di formazione ad hoc per formatori. Questi corsi non hanno l’obiettivo di dare al formatore nozioni tecniche di salute e sicurezza, ma sono invece strutturati per migliorare la comunicazione con il corsista/formatore.

Tutti I Corsi
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.