I finanziamenti europei delle Regioni destinati a pmi e liberi professionisti

Le risorse messe in campo dalle Regioni superano i 2 miliardi di euro. Pubblicato il nuovo monitoraggio dei finanziamenti europei a disposizione dei progettisti italiani

Valuta questo articolo

I finanziamenti europei delle Regioni destinati a pmi e liberi professionisti Totale 5.00 / 5 1 Voti

Sono destinate anche ai geometri le risorse che le Regioni italiane stanno programmando di spendere nel 2016 nell’ambito dell’attività di utilizzo dei finanziamenti europei stanziati per il periodo 2014 – 2020. Nel complesso si tratta di una cifra il cui ammontare supera i 2,2 miliardi di euro suddivisi in cinque i settori differenti; start-up, innovazione, ambiente, accesso al credito e internazionalizzazione. I bandi di finanziamento europeo saranno aperti alle piccole e medie imprese ai professionisti e ai progettisti, tra cui i geometri gli architetti e gli ingegneri. Categorie professionali che con l’ultima legge di stabilità (la legge numero 208 del 2015) sono stati equiparati proprio alle PMI nell’accesso ai fondi strutturali europei e ai finanziamenti europei.

La speciale classifica delle Regioni che possono vantare il massimo ammontare di fondi e finanziamenti europei ottenuti e quindi da distribuire è guidata dalla Lombardia con 484 milioni di euro. Seguono Puglia con 405 milioni, Emilia Romagna con 275, Lazio con 192 e Piemonte con 182. Maglia nera, invece, alla Valle d’Aosta con soli 10 milioni da destinare quest’anno a micro e piccole aziende e professionisti.

Come fare per accedere ai fondi e ai finanziamenti europei per liberi professionisti?

Chiunque voglia accedere ai fondi, dovrà partecipare agli appositi bandi di gara promossi dalle diverse Regioni consultabili anche online. Dei fondi previsti per il periodo 2014 – 2020 fanno parte, in alcuni casi, anche le risorse del precedente periodo 2007 – 2014 che le Regioni non abbiano eventualmente speso nei tempi previsti. È il caso per esempio del Lazio dove ci sono 45 milioni di euro di residui mentre in Basilicata questa cifra supera addirittura i 50 milioni.

Per meglio orientarsi, però, i geometri iscritti possono trovare una selezione mirata di finanziamenti europei curati direttamente da Geometri in Rete, sia nella rubrica “a misura di Geometra”, all’interno della newsletter mensile, sia nell’area del sito dedicata ai bandi e ai finanziamenti europei. Nel monitoraggio curato dagli esperti di GEOWEB SpA, sono state individuate ed analizzate, 15 diverse possibilità di finanziamenti regionali e europei.

Finanziamenti e bandi che possono essere ulteriormente circoscritte in cinque macro aree:

  • Start up innovative e progetti d’impresa, anche in campo digital (Telecom Italia S.p.A – Campania – EIT Climate-Kic Emilia Romagna);

  • Sostegno alle imprese mediante contributi ed incentivi per le assunzioni in apprendistato (Italia Lavoro S.p.A. – Liguria – Piemonte);

  • Progetti di riconversione delle aree di crisi industriale e di rimozione delle carenze strutturali (Fruli Venezia Giulia – Emilia Romagna);

  • Interventi per i progetti di ricerca e sviluppo delle imprese regionali ed europee (Emilia Romagna – Piemonte – M-Era.Net 2);

  • Riduzione della disoccupazione giovanile, l’apprendimento a distanza e la formazione (Friuli Venezia Giulia – Veneto – Commissione Europea);

  • Realizzazione di investimenti per il miglioramento dell’efficienza energetica (Lazio).

La situazione dei finanziamenti europei per liberi professionisti in Italia: serve maggiore competenza da parte delle Pubbliche Amministrazioni

L’Italia entro la fine dell’anno dovrà riuscire ad approvare i piani per l’utilizzo dei finanziamenti europei messi a disposizione per ogni investimento strutturale nel nostro Paese. Fondi resi disponibili dall’Unione Europea per un ammontare complessivo di 43 miliardi di euro. Sarebbe fondamentale che l’Italia riuscisse a presentare validi programmi alla Commissione Europea per smentire il pettegolezzo sulla storica incapacità dell’Italia di spendere i fondi dell’ESIF. Visto che qualora non venissero utilizzati, i finanziamenti europei potrebbero essere sottratti all’Italia, ragioni che dovrebbero motivare l’appartenenza all’Unione.

Tutti I Corsi
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.