Rimuovere le barriere che frenano l’accesso alle libere professioni

Alla riunione plenaria dell'Europarlamento la Commissaria Bienkowska ha annunciato la nuova strategia europea per favorire l’accesso alle libere professioni

Valuta questo articolo

Rimuovere le barriere che frenano l’accesso alle libere professioni Totale 5.00 / 5 3 Voti

L’Unione Europea riconosce il potenziale imprenditoriale delle libere professioni, per questo gli uffici di Bruxelles stanno approntando tutte le iniziative possibili affinché venga regolamentato e reso più fluido l’accesso alle libere professioni.

“Il 21 ottobre sarà adottata la strategia per il mercato interno, in cui l’elemento chiave è affrontare gli ostacoli e le barriere sul mercato e promuovere l’accesso alle libere professioni”.

È quanto ha annunciato nei giorni scorsi nella seduta plenaria del Parlamento europeo la commissaria per il mercato unico, Elzbieta Bienkowska, in risposta all’interrogazione presentata dal vicepresidente del Parlamento Ue, Antonio Tajani sulle iniziative della Commissione atte a facilitare l’accesso alle libere professioni.

“La Commissione europea” ha affermato Bienkowska “attualmente sta svolgendo un esercizio di trasparenza in ogni Stato, come seguito della direttiva qualifiche professionali, in ottima cooperazione con le autorità nazionali, che hanno già evidenziato 5.000 professioni in tutti i paesi membri, dal quale risulta come la grande maggioranza delle libere professioni siano regolate”.

“Tuttavia, la regolamentazione delle professioni limita l’accesso alle professioni”.

La commissaria Bienkowska ha poi aggiunto che la Commissione europea riconosce pienamente il potenziale imprenditoriale delle libere professioni e continuerà a prestare attenzione nel contesto del Piano d’azione Imprenditorialità 2020. Anzi “le libere professioni saranno un punto centrale della strategia del mercato interno, con focus sulla modernizzazione, l’innovazione, la riduzione delle regole e delle barriere”

Le attività professionali saranno dunque incluse nella strategia per il mercato interno, che prevederà anche una serie di misure potenziali per affrontare le barriere esistenti “come i requisiti sproporzionati all’accesso alle libere professioni o le riserve di attività eccessive: non si tratta di una deregolamentazione, ma di valutare le regolamentazioni esistenti e rimuovere le barriere sproporzionate”.

Sul fronte del riconoscimento europeo delle qualifiche professionali, ha sottolineato la commissaria per il mercato unico, “la Commissione sta lavorando a stretto contatto con gli Stati membri per arrivare a un accordo su un atto esecutivo riguardo la proposta di introdurre la tessera professionale europea per alcune categorie professionali ( la lista completa sarà resa disponibile nelle prossime settimane ndr )”.

L’infrastruttura tecnica per la tessera professionale e il meccanismo di allerta sarà completata entro gennaio 2016 ha assicurato la Commissaria Bienkowska.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.