Esami di Stato Architetti 2016: come preparare al meglio la prova scritta e quella orale

Esami di Stato Architetti 2016: il prossimo 15 giugno avranno inizio le prove per la laurea specialistica e il 22 giugno invece avranno luogo gli esami per la triennale.

Crediti Formativi Architetti

Valuta questo articolo

Esami di Stato Architetti 2016: come preparare al meglio la prova scritta e quella orale Totale 3.00 / 5 4 Voti

Esami di Stato Architetto 2016: breve guida pratica su come svolgere l’esame di Stato per Architetti 2016. Oramai le date sono state rese pubbliche da tempo. Mancano poco meno di due mesi agli esami di stato architetti 2016, una data che per tanti, tantissimi professionisti italiani  rappresenterà un ricordo indelebile. Quanti tra gli architetti ora in attività ricordano il loro esame di stato? Giornate spesso contraddistinte dalla tensione, dalla paura, dalle aspettative per il futuro. Giornate che hanno rappresentato il vero spartiacque tra chi ha solamente studiato architettura e chi invece può orgogliosamente fregiarsi del titolo di architetto.  Magari dopo averlo desiderato e sognato per anni.

Per quanto riguarda la sessione estiva dell’esame di Stato architetti 2016 il termine di iscrizione sarà il 23 maggio 2016. L’inizio delle prove d’ esame abilitazione architetti ingegneri per le lauree quinquennali è fissato per il 15 giugno 2016, mentre per le lauree triennali è fissato per il successivo 22 giugno 2016. A questa seguirà poi una sessione autunnale con termine di iscrizione al 19 ottobre 2016.

Esame di Stato Architetti 2016: come preparare la sessione di inizio estate?

Sul Web le guide e le indicazioni su come svolgere l’esame di stato per architetto sono tante, e molte sono anche di ottima qualità. Potremo quasi dire che si trovano guida pratiche per tutti i gusti e per tutte le tasche.

Per quanto riguarda l’iscrizione alla sezione A dell’albo degli Architetti, è previsto un esame di stato consistente in una prima prova pratica avente ad oggetto la progettazione di un’opera di edilizia civile o di un intervento a scala urbana (sulla stessa va poi svolta una prova scritta relativa alla giustificazione del dimensionamento strutturale o insediativo). Una seconda prova scritta riguarderà poi le problematiche culturali e conoscitive dell’architettura.

Una volta superate le due prime prove scritte i futuri architetti dovranno sottoporsi ad una prova orale dove il candidato dovrà commentare l’elaborato progettuale della prima prova e approfondire gli altri aspetti (legislazione, deontologia professionale etc …) della professione di Architetto.

Per quanto riguarda invece l’iscrizione alla sezione B dell’albo degli Architetti, l’esame di Stato 2016 prevede una prima prova pratica consistente nello sviluppo grafico di un progetto esistente o nel rilievo a vista (come per la Sezione A dovrà essere svoltà una valutazione economico-quantitativa), una seconda prova scritta consistente in un tema o in una prova grafica. Una volta superate le due prove scritte si dovrà sostenere un ultima prova orale riguardante le materie oggetto delle prove scritte.

Dove si svolgeranno gli esami di stato per architetti 2016? Quali sono le sedi degli esami di stato 2016?

Bari (Politecnico) Matera (Univ. della Basilicata) Cagliari, Camerino, Catania, Cesena (Univ. Bologna) Ferrara, Firenze, Genova, Milano (Politecnico) Napoli (Univ. Federico II) Napoli (II Università) Palermo Parma Perugia, Pesacara (Univ. G. D’Annunzio) Roma ‘La Sapienza’ Reggio Calabria Sassari Torino (Politecnico) Trieste Venezia (Ist. Architettura) , Per tutte le sedi la data della prima prova è fissata dal MIUR con specifica ordinanza, mentre le prove successive possono avere un andamento diverso, in relazione a specificità locali.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.