Energie rinnovabili: ricorso al TAR contro lo spalma-incentivi

L’Iniziativa di AssoRinnovabili mira a tutelare gli interessi di chi produce energie rinnovabili senza avere un impianto fotovoltaico.

Valuta questo articolo

Energie rinnovabili: ricorso al TAR contro lo spalma-incentivi Totale 5.00 / 5 2 Voti

“Se il tuo impianto per le energie rinnovabili rientra nella categoria colpita dal provvedimento governativo è all’assoRinnovabili che ti devi rivolgere. L’associazione italiana per le energie rinnovabili sta infatti organizzando un’azione giurisdizionale collettiva per tutelare i possessori di impianti di produzione di energie rinnovabili  ma non fotovoltaici.

Chi fosse interessato potrà informarsi su tutti i dettagli visitando il sito dell’Associazione per le energie rinnovabili nata dalla fusione di Aper e Assosolare, che ha deciso di coordinare una azione giurisdizionale collettiva contro il decreto ministeriale datato 6 novembre 2014.

Il decreto contro cui si stanno scagliando le ire dell’associazione energie rinnovabili è entrato in vigore dal 19 novembre 2014, previsto dal decreto Destinazione Italia. La norma stabilisce le modalità di determinazione dei nuovi incentivi riconosciuti sull’energia elettrica prodotta dagli impianti a fonti rinnovabili esistenti, diversi dagli impianti fotovoltaici, i cui esercenti optano per l’estensione del periodo di incentivazione di 7 anni di cui all’art. 1, comma 3, lettera b), del d.l. n. 145 del 2013.

Il decreto, secondo il parere dell’associazione per la tutela delle energie rinnovabili, rappresenta un ingiustizia nei confronti dei possessori di impianti elettrici.

“non capiamo il perché di questa distinzione”

afferma asso Rinnovabili

“proprio in un periodo in cui tutte le energie rinnovabili segnano ricadute economiche in aumento

Il 13 novembre scorso  assoRinnovabili ha inviato al Governo una lettera in cui si denuncia la mancata emanazione del decreto che dovrebbe disciplinare i criteri e le modalità di accesso ai finanziamenti bancari garantiti dalla Cassa Depositi e Prestiti, per mitigare, almeno in parte, gli effetti negativi dei tagli previsti dalla norma Spalma Incentivi fotovoltaico.

L’Associazione ha inoltre chiesto che il termine del 30 novembre per la scelta tra le tre opzioni sia rinviato di almeno 60 giorni rispetto all’emanazione del decreto MEF che regolerà l’intervento di Cassa Depositi e Prestiti.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.