Energie rinnovabili, ricadute economiche in aumento

Nel 2013 il fotovoltaico e le energie rinnovabili hanno generato le maggiori ricadute complessive, stimate in 1,8 miliardi di euro, seguito dalle bioenergie con 1,2 miliardi

Valuta questo articolo

Energie rinnovabili, ricadute economiche in aumento Totale 5.00 / 5 1 Voti

Althesys ha sviluppato per conto di Greenpeace uno studio per stimare le ricadute economiche complessive generate dagli investimenti in energie rinnovabili in Italia.

L’analisi economica considera il valore aggiunto diretto degli operatori del settore, i consumi indiretti (generati dai salari percepiti dai relativi addetti) ed il valore aggiunto relativo alle imprese fornitrici o clienti del settore delle energie rinnovabili (indotto).

La stima ha considerato le diverse fasi della catena del valore e dieci diverse tecnologie.

Nel 2013 le ricadute complessive generate dalle energie rinnovabili sono stimate in circa 6 miliardi di euro.

Di questi 4,3 sono di valore aggiunto diretto, 983 milioni sono i consumi indiretti e 660 milioni è il valore aggiunto dell’indotto. L’attività della filiera a maggior valore aggiunto è quella di generazione dell’energia, con circa 2,5 miliardi di euro (43% del totale); segue la fase di O&M, con un valore di 1,2 miliardi (20%) e la fabbricazione dei componenti, con circa 900 milioni di euro (15%). Il contributo dell’attività di progettazione ed installazione ammonta a 570 milioni e quella di approvvigionamento della biomassa a 491 milioni. Infine, il valore aggiunto della fase di finanziamento nel 2013 è stimato in circa 264 milioni di euro.

Tra le tecnologie specifiche ricadenti nell’ambito delle energie rinnovabili, il fotovoltaico genera le maggiori ricadute complessive, stimate in 1,8 miliardi di euro, seguito dalle bioenergie con 1,2 miliardi. Rilevante anche il contributo dell’eolico, che nel 2013 ammonta a circa 960 milioni, mentre il valore aggiunto di geotermia e mini idroelettrico è stimato rispettivamente in 440 e 660 milioni di euro. Più contenute le ricadute delle rinnovabili termiche, che raggiungono complessivamente un valore di circa 841 milioni di euro.

La crescita delle energie rinnovabili comporta anche consistenti effetti in termini di gettito per l’erario. La contribuzione fiscale nel 2013 è stata pari a circa 1,2 miliardi di euro, il 20% delle ricadute complessive. La componente delle imposte sull’utile d’impresa e quella di tasse e contributi sui salari contribuisce rispettivamente per 554 e 556 milioni di euro, mentre il gettito IVA è stimato in circa 128 milioni.

Una crescita che genera non solo ricadute economiche dirette ma anche e sopratutto ricadute economiche indirette.

Ricadute indirette che possono essere ben rappresentate dal miglioramento continuo dei corsi di formazione professionali specifici dedicati giusto per fare un esempio alla progettazione di impianti fotovoltaici

 

Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.