Il 2016 sarà la volta degli edifici a energia zero

Edifici a energia quasi zero in Lombardia: dal 1° gennaio 2016 arriva una nuova era per l'edilizia italiana, soddisfazione dell'Anit.

Valuta questo articolo

Il 2016 sarà la volta degli edifici a energia zero Totale 4.50 / 5 4 Voti

La Regione Lombardia anticipa al 2016 la legislazione sugli edifici a energia zero, o quasi zero, ovvero gli edifici a bassissimi consumi di energia, quelli che con i decreti nazionali del 26 giugno 2015 saranno introdotti in tutta Italia nel 2019 (edifici pubblici) e nel 2021 (edifici privati). Infatti con la Delibera della Giunta Regionale n. X/3868, la Regione Lombardia ha deciso che i requisiti di prestazione energetica per gli edifici ad energia quasi zero (NZEB) previsti dalla Direttiva 2010/31/UE e definiti dai decreti del 26 giugno entrano in vigore dal 1° gennaio 2016.

La disposizione per lo sviluppo degli edifici a energia (quasi) zero vale per gli edifici pubblici e privati, di nuova costruzione e da ristrutturare.

Con il successivo decreto n. 6480 la stessa Regione ha definito i valori dei requisiti minimi dei componenti edilizi da rispettare nelle nuove costruzioni e nelle ristrutturazioni. In particolare a partire dal 1° gennaio 2016, i requisiti minimi per la trasmittanza termica delle “chiusure tecniche trasparenti e opache e dei cassonetti, comprensivi degli infissi” sono stati fissati in 1,4 W/m2K per la zona climatica E e in 1,00 W/m2K per la zona F.

Quasi contemporaneamente, con la Delibera della Giunta Regionale n. 967, la Regione Emilia Romagna ha anticipato di due anni l’entrata in vigore della legislazione sugli edifici a energia zero: 2017 per gli edifici pubblici e 2019 per quelli privati. Rappresentando un importante punto di svolta per le professioni degli energy manager e dei certificatori energetici.

Commentando i due provvedimenti Laura Michelini, Presidente di Anfit, l’Associazione per la Tutela della Finestra Made in Italy così si esprime: “ un plauso va alle due Regioni per aver rotto gli indugi anticipando in maniera considerevole le date previste per l’entrata in vigore degli edifici a energia quasi zero. Uno dei motivi fondanti di Anfit è la battaglia per la sostenibilità, l’ambiente e l’efficienza energetica in edilizia. Principi bene espressi nella Direttiva 2010/31/UE che i decreti nazionali e le due delibere regionali hanno recepito. Salutiamo con soddisfazione i due provvedimenti che permetteranno presto agli abitanti delle due Regioni di avere abitazioni più confortevoli spendendo molto meno in energia per il riscaldamento e il raffrescamento. E riducendo quasi a zero le emissioni inquinanti”.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.