La disciplina della Due Diligence Immobiliare

La due diligence immobiliare: un attività professionale indispensabile per tutte le trattative contrattuali

Corso Due Immobiliare

Valuta questo articolo

La disciplina della Due Diligence Immobiliare Totale 5.00 / 5 8 Voti

Ne è passato di tempo, per fortuna, da quando per valutare un immobile bastava la stima, spesso totalmente priva di fondamento, realizzata dal padrone dell’edificio.

Ora le procedure di acquisto e di vendita di un edificio possono usufruire di un nuovo e scientifico processo di valutazione immobiliare: la due diligence immobiliare con cui tecnici e operatori del settore immobiliare potranno le loro competenze e offrire un servizio sempre più aggiornato.

Ma cosa si intende per due diligence immobiliare?

Il processo della due diligence è particolarmente recente e ad oggi non ci sono, ne sulla rete ne sui manuali di riferimento, molte definizioni soddisfacenti. Utilizzando una delle definizioni più recenti però possiamo sicuramente definire la diligence come:

un metodo scientifico e professionale per una valutazione complessiva di un insediamento o di un patrimonio immobiliare  che consideri le caratteristiche dell’edifico e l’ambiente di collocazione come base per sviluppare qualunque transazione commerciale.

Un metodo scientifico che nel giro di pochissimi anni, se non addirittura mesi, si è imposta all’attenzione di studiosi e operatori del mercato immobiliare.

Ma vediamo in cosa consiste il processo di due diligence immobiliare.

Il processo di due diligence esplica le sue maggiore finalità pratiche nella gestione del rischio contrattuale, risultando di enorme importanza per tutte le attività legate:

In termine tecnici invece con il termine di Due Diligence si intende espressamente il documento teso a stabilire, attraverso la comparazione tra la documentazione e lo stato di fatto, la conformità degli immobili ai requisiti normativi e qualitativi.

Attraverso la lettura di questo documento è infatti possibile giungere ad una valutazione complessiva di un insediamento o di un patrimonio immobiliare, considerando le sue specifiche caratteristiche e l’ambiente di collocazione come base per una transazione.

Nel corso della valutazione si esaminano, almeno, tre diversi aspetti dell’immobile:

  • l’aspetto  tecnico-progettuale, ossia la verifica della rispondenza dello stato alla planimetria depositata, con l’individuazione di eventuali abusi, condoni e sanatorie

  • l’aspetto economico, con cui si vuole valutare l’immobile in relazione all’uso attuale e potenziale, alla location e all’andamento del mercato di riferimento

  • l’aspetto legale-documentale;  un attività estremamente importante con cui il valutatore procede a verificare la documentazione legale relativa all’immobile ( atto di provenienza, visure catastali, trascrizioni, eventuali ipoteche volontarie e giudiziali etc ).

Ma quindi il processo di Due Diligence Immobiliare può essere utilizzato solo nelle attività di compravendita immobiliare?

Il processo nasce sicuramente all’interno della complessa materia della valutazione immobiliare ma,  viste le peculiarità scientifiche che la caratterizzano, negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un vero e proprio proliferare di questi processi anche in ambiti più prettamente tecnici o condominiali.

Al di là della fase di compravendita infatti il documento sullo stato di un immobile redatto con un processo di Due Diligence può portare all’individuazione di elementi preziosi anche per la normale gestione di un bene immobile e per deciderne, nel breve come nel lungo periodo, le migliori opportunità di sfruttamento.

Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.