Bonus Mobili 2016: cosa prevede la bozza della Legge di Stabilità 2016?

Bonus Mobili 2016: nella nuova bozza della Legge di Stabilità 2016 sono previste diverse agevolazioni anche per coppie non sposate.

Valuta questo articolo

Bonus Mobili 2016: cosa prevede la bozza della Legge di Stabilità 2016? Totale 5.00 / 5 1 Voti

Il Bonus Mobili 2016 sarà esteso anche alle giovani coppie che acquistano la prima casa. Nessun cambiamento quindi sotto questo aspetto ? Non proprio; nella nuova bozza della legge di stabilità 2016 infatti, il bonus previsto per il 2016 risulta inferiore all’agevolazione per arredi destinati ad immobili in ristrutturazione (secondo le prime indiscrezioni infatti parliamo di cifre fino a 8 mila euro e non 20 mila come ipotizzato inizialmente ndr). D’altra parte viene superato uno dei principali scogli registrati nell’ultimo periodo.

Il nuovo bonus mobili 2016 infatti si applica a tutte le coppie, sia le coppie di fatto sia le copie regolarmente sposate e sarà estesa a tutto il 2016 riguardando sia le ristrutturazioni edilizie sia gli interventi di riqualificazione energetica (viene però prevista una nuova agevolazione per l’acquisto di arredi destinati alle nuove prime abitazioni ndr).

Un importante innovazione normativa che sembra andare incontro ai cambiamenti sociali che stanno interessando quelle che Giddens chiamava istituzioni guscio. La classica famiglia patriarcale unita da matrimonio vede infatti sgretolarsi il terreno sotto i piedi.

Ambito di applicazione del nuovo bonus mobili 2016

Con il bonus previsto per il 2016 sarà ora possibile intervenire anche all’atto di acquisto di un immobile (non necessariamente ristrutturato ndr) e non più solo nell’ambito di immobili oggetto di ristrutturazione agevolata. L’opzione che prevede il nuovo acquisto di un immobile, sarà riservato alle giovani coppie con almeno uno dei due partner sotto i 35 anni, indifferentemente che si tratti di coppie di fatto o di coppie sposate. Le coppie di fatto dovranno però dimostrare di essere conviventi da almeno tre anni.

I soggetti che rientreranno nella tipologia prevista dalla legge di stabilità 2016 potranno accedere ad una detrazione pari al 50% su un tetto di spesa massimo di 8 mila euro. Il beneficio si può utilizzare per l’acquisto di mobili, mentre non è chiaro se vale anche per gli elettrodomestici.

Restano invece immutate le condizioni del bonus mobili per quanto riguarda gli immobili oggetto di ristrutturazione agevolata. Per questa tipologia di immobili la detrazione è stata confermata al 50% su un tetto massimo di spesa pari a 10mila euro, per mobili ed elettrodomestici di classe A. ( in questo caso il beneficio per la ristrutturazione è al 50% su un tetto di spesa pari a 96mila euro, mentre il Bonus Energia  è al 65%, applicabile anche alle cosiddette case popolari, con un tetto che cambia a seconda della tipologia di intervento realizzato ndr ).

Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.