Gli impegni del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati per il 2017

Il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati si affaccia al 2017 consapevole delle difficoltà da affrontare, ma incoraggiato dai risultati ottenuti

Corsi Crediti Geometri

Valuta questo articolo

Gli impegni del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati per il 2017 Totale 5.00 / 5 2 Voti

Una capacità di rappresentanza maggiore caratterizza oggi l’operato istituzionale del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, divenuto ancor più un interlocutore di riferimento primario negli ambiti di competenza.

Lo sottolinea il quotidiano economico finanziario Italia Oggi, in un articolo pubblicato poche ore fa.

Il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati si affaccia al 2017 consapevole delle difficoltà da affrontare, ma incoraggiato dai risultati ottenuti: “La capacità di rappresentanza della Categoria è cresciuta: i geometri intervengono nella dialettica socio-politica e partecipano ai meccanismi decisionali”, spiega il Presidente Maurizio Savoncelli. “E’ il frutto di un intenso lavoro di ascolto delle esigenze del territorio, trasformate in istanze delle quali ci siamo fatti portatori presso le sedi istituzionali”.L’impegno proseguirà anche nei mesi a venire: l’obiettivo è rendere sempre più strutturale l’azione del consiglio nazionale geometri negli ambiti di competenza, divenendo player di riferimento.

Ma vediamo quali sono gli ambiti (istruzione e formazione professionale, catasto, progettazione edilizia, prevenzione rischio sismico, contrasto rischio idrogeologico, fiscalità, internazionalizzazione, prevenzione incendi, Bim) attorno a cui si sviluppare l’azione di un Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati che stando alle parole dei suoi principali rappresnetanti vuole proiettarsi nel futuro con sempre maggiore convinzione.

Istruzione. Dopo la presentazione alla Camera del ddl “Disciplina della professione di geometra e norme per l’adeguamento delle disposizioni concernenti le relative competenze professionali”, il consiglio nazionale geometri prosegue il suo impegno in direzione del “dialogo possibile” tra scuola, lavoro, università. Spiega il Vice Presidente Antonio Benvenuti: “La disoccupazione giovanile è un’emergenza: per contrastarla è necessario promuovere modelli di alternanza scuola-lavoro e orientamento utili alla definizione di futuri percorsi professionali. Il consiglio nazionale geometri è impegnato, rispettivamente, nella sottoscrizione di un protocollo d’intesa con il MIUR e nel lancio della quarta edizione del progetto didattico Georientiamoci: gli studenti delle seconde e terze classi delle scuole secondarie di primo grado sperimenteranno la progettazione multimediale in 3D in ottica di sostenibilità ambientale”.

Catasto. La novità per il 2017 si chiama “Scrivania del Territorio”. Si tratta, nelle parole di Serafino Frisullo, Consigliere Nazionale CNGeGL, di “un software ideato dall’Agenzia delle Entrate per agevolare il lavoro dei professionisti nelle attività di compilazione e controllo degli atti di aggiornamento delle banche dati catastale e ipotecaria. In tale ambito, il nostro impegno è favorire l’implementazione dello strumento (tra le innovazioni previste dal nuovo Sistema Integrato del Territorio) e la sua diffusione presso gli iscritti e, più in generale, rafforzare la collaborazione con l’Agenzia per giungere alla completa gestione integrata delle informazioni del patrimonio immobiliare italiano”.

Progettazione edilizia. “Sarà importante valutare gli effetti dell’introduzione di misure rilevanti in materia normativa” afferma invece Cesare Galbiati, Consigliere Nazionale CNGeGL, evidenziando quattro punti sulla road map: “Regolamento edilizio unico, il cui obiettivo è la semplificazione e l’uniformità delle regole locali; Scia 2, che mira a ridisegnare la mappa delle procedure amministrative per gli interventi edilizi di immediata applicazione, tenendo anche in considerazione la recentissima semplificazione delle procedure di autorizzazione paesaggistica;

Prevenzione incendi: l’aggiornamento del programma dei corsi base di specializzazione, unitamente al “via libera” all’aggiornamento in modalità e-learning (FAD), dovrebbero facilitare le attività di formazione per l’aggiornamento obbligatorio dei Professionisti Antincendio”. In ultimo, il BIM: “E’ ormai chiaro che la filiera delle costruzioni deve posizionarsi in funzione di questo paradigma: il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati continuerà a fornire il proprio contributo metodologico alla commissione Baratono e al gruppo di lavoro UNI 11337, che pubblicherà a fine gennaio le prime parti della norma, per completarla entro la fine del 2017”.

Prevenzione rischio sismico. Gli eventi che continuano a sconvolgere l’Italia centrale bastano, da soli, a spiegare perché la Categoria ha posto in cima alle sue priorità la prevenzione del rischio sismico. “Assieme alla RPT” afferma Marco Nardini, Consigliere Nazionale CNGeGL “abbiamo redatto un documento che stabilisce gli interventi da attuare per la conservazione del territorio, del patrimonio storico monumentale e architettonico, ma soprattutto per la salvaguardia delle vite umane. Tra questi, il monitoraggio del livello di vulnerabilità e l’introduzione della certificazione sismica obbligatoria”. Il documento è stato presentato lo scorso novembre in occasione del convegno “Prevenzione civile. Dalle emergenze a Casa Italia”, organizzato dalla struttura #italiasicura della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Contrasto del rischio idrogeologico. “Il dibattito resta aperto” è la premessa di Pasquale Salvatore, Consigliere Nazionale Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, “ma è innegabile che la pubblicazione delle linee guida per le attività di programmazione e progettazione degli interventi per il contrasto del rischio idrogeologico emanate da #italiasicura consente di affrontare le fasi del processo tecnico-amministrativo della gestione del territorio in modo nuovo, peraltro in coerenza con la filosofia del nuovo Codice degli appalti pubblici. Ed è motivo di soddisfazione ricordare che anche il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, nell’ambito della RPT, ha dato il proprio contributo riguardo agli aspetti estimativi e geo-topo-cartografici indispensabili in fase di progettazione, monitoraggio e manutenzione delle opere e del territorio”.

Fiscalità. Per Giuseppe Foresto, Consigliere Nazionale CNGeGL, sono molte le novità previste dalla Legge di Bilancio 2017 che interessano in maniera diretta la professione: “Senza pretesa di esaustività cito la riduzione dell’aliquota Ires dal 27,5% al 24%; la proroga a tutto il 2017 della detrazione Irpef per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio; la previsione di un ecobonus del 65% fino al 2021 e di un sismabonus con detrazione base del 50%. Focus anche sugli studi di settore: la nuova metodologia è in fase di sperimentazione”.

Internazionalizzazione. “In una logica di confronto con le più importanti associazioni internazionali (FIG, GLGE, EGoS, TEGoVA) sui temi propri della Categoria” afferma il Consigliere Nazionale CNGeGL Enrico Rispoli “l’esperienza maturata nell’attività di monitoraggio delle competenze, svolta assieme al Presidente Savoncelli, è un plus che consente al CNGeGL di raggiungere obiettivi importanti: far conoscere il profilo polivalente del geometra italiano; accogliere e rilanciare input che vanno nella direzione dell’omologazione a livello europeo anche attraverso il conseguimento di un titolo accademico per i geometri; favorire esperienze di lavoro qualificato all’estero mediante convenzioni e accordi ”.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.