Come trasformare un abitazione comune in una casa ecosostenibile

Quando si parla di casa ecosostenibile si pensa sempre a case con grandi orti e pannelli solari; ma senza dubbio una casa ecofriendly è molto più che questo

Valuta questo articolo

Come trasformare un abitazione comune in una casa ecosostenibile Totale 4.75 / 5 4 Voti

Parlare di una casa ecosostenibile significa parlare di ambiente e di risparmio, di molto risparmio. Risparmia acqua, riutilizza risorse, sfrutta al massimo l’energia naturale affinché l’abitazione funzioni, in questo modo si risparmia anche sulle bollette.

Queste sono solo alcune delle massime di una casa realizzata secondo i dettami della filosofia ecosostenibile.

Anche se per molti una casa ecosostenibile è qualcosa di futuristico, in realtà il mercato di questo tipo di strutture risulta particolarmente vivo e attivo.

Vediamo nel dettaglio perché si è prodotto questo proprio boom ecologico e quali sono i vantaggi che apporta:

  • Isolamento: Isolarsi dall’esteriore mantiene la casa perfettamente climatizzata e inoltre ci permette di risparmiare energia. Come otteniamo tale isolamento? Per esempio con pannelli e facciate vegetali. Queste non solo ci proteggono dai rumori molesti, ma impermeabilizzano la casa e migliorano la qualità dell’aria che respiriamo. Migliorando le finestre: giocare con la posizione, la forma e le dimensioni delle nostre finestre è fondamentale per ottenere come risultato finale una casa calda d’inverno e fresca d’estate. La migliore scelta? Le finestre che proteggono dalle radiazioni solari.

  • Ventilazione naturale: quella forma di generare correnti d’aria che tanto utilizzavano le nostre madri per ventilare la casa d’estate è un must delle abitazioni passive. Il motivo? Così si evita il calore dell’estate e si espelle l’umidità durante l’inverno. Creare correnti d’aria è semplice, è sufficiente installare finestre una di fronte l’altra, in questo modo si ottiene una ventilazione diretta. Se non si vogliono fare lavori basterà installare un dispositivo di raffreddamento a vapore, di basso consumo, in questo modo si ottiene aria fresca, il tutto low cost.

Qualsiasi casa ecosostenibile dovrebbe funzionare indipendentemente, senza dover dipendere costantemente dal somministro di energia pubblica. Bisogna sicuramente invertire in alcune installazioni per poter organizzare una casa passiva, però a lungo termine il risparmio sarà sicuramente notabile.

  • Investire in energie rinnovabili: le nostre case consumano buona parte dell’energia che la nazione produce per tanto apprendere a economizzare è ormai un obbligo. Anche se suona utopico, invertire in energia rinnovabile è la migliore opzione per ottenere una casa ecosostenibile. Di tutte le opzioni di energie rinnovabili che il mercato offre, quella solare e quella eolica sono di gran lunga le migliori per utilità e per risparmio.

  • Utilizzo responsabile dell’acqua: Riutilizzando l’acqua piovana per lavare e annaffiare il giardino, oppure riutilizzando l’acqua della doccia per riempire il WC. Sul mercato ci sono diversi utensili low cost che ti permetteranno di farlo.

Un aspetto, quello legato al mercato delle case ecosostenibili, che viene attentamente monitorato anche da aziende come la spagnola Habitissimo che, riportando le dichiarazioni del suo CEO e cofondatore Jordi Ber, si vanta di essere “un impresa che giorno dopo giorno cerca di fare del suo meglio per aiutare i professionisti e i privati del settore della costruzione e i servizi per la casa, ma è anche una marca che agisce nel rispetto dell’ambiente. Una realtà che si riflette nella sua web, dove si pubblicano ogni giorno idee e progetti ecofriendly”

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.