La manutenzione ordinaria della facciata: principali patologie, come diagnosticarle e come curarle

Il tema della manutenzione ordinaria in edilizia, per quanto riguarda le facciate degli edifici, è molto trascurato, la conseguenze possono essere danni ingenti e onerosi da riparare.

Valuta questo articolo

La manutenzione ordinaria della facciata: principali patologie, come diagnosticarle e come curarle Totale 4.25 / 5 4 Voti

Il tema della manutenzione ordinaria in edilizia, per quanto riguarda le facciate degli edifici, è molto trascurato, la conseguenze possono essere danni ingenti e onerosi da riparare. Per cercare di fare un pòco di chiarezza sull’argomento, Viero, un brand facente parte del Gruppo Cromology Italia, leader nella produzione e commercializzazione di pitture per edilizia nei segmenti della clientela professionale e privata, ha stilato una breve guida per sopportare i professionisti dell’edilizia nella diagnosi delle principali patologie della facciata e nell’identificazione delle soluzioni tecniche più adeguate.

“Il mercato dell’edilizia è anche quest’anno trainato dal segmento delle ristrutturazioni” ha dichiarato il Dott. Diego Marcucci, Marketing Manager Cromology  “siamo convinti che sia i professionisti, che le imprese della filiera dell’edilizia, che i committenti svilupperanno una attenzione sempre maggiore al tema della manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili, ora totalmente trascurato. Per questo motivo lavoriamo allo sviluppo di soluzioni sempre più efficienti e alla diffusione di una cultura tecnica idonea ad affrontare tempestivamente e in maniera idonea gli interventi di ripristino di ogni tipologia”.

Quali sono le cause che generano il progressivo degrado di intonaci e rivestimenti della facciata e obbligano ad interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria?

Il degrado di intonaci e rivestimenti della facciata è causato da alcuni motivi principali come le sollecitazioni meccaniche, fenomeni fisici di varia natura, la presenza di acqua e sali e l’attacco biologico; l’azione ed interazione sinergica di agenti chimici tra i componenti del rivestimento o dell’atmosfera; la cattiva preparazione degli impasti o dei supporti, l’impiego di materiali incompatibili o di scarsa qualità, il dosaggio errato dei componenti o l’errata applicazione e, infine, la carenza di manutenzione ordinaria.

Tutti fenomeni che, se non diagnosticati e risolti per tempo, possono condurre ad un veloce degrado della facciata e, con il tempo, anche a danni importanti, non solo di natura estetica.

La prima cosa che colpisce un osservatore è infatti proprio l’aspetto visivo delle facciate danneggiate. I danni alle facciate sono, nella maggior parte dei casi, visibili a occhio nudo da parte di chiunque, ma solo un osservatore esperto può riconoscere l’origine di questi problemi e di conseguenza identificare la giusta soluzione. In base alla patologia che colpisce la facciata, infatti, l’aspetto della stessa cambia radicalmente e diverso deve essere anche l’intervento risolutivo.

Come risolvere le principali patologie della facciata con un intervento di manutenzione ordinaria?

Una volta diagnosticata la precisa patologia della facciata, è necessario intervenire e il primo elemento da cui partire è senza ombra di dubbio il primer. La funzione del primer è quella di regolarizzare l’assorbimento del materiale da parte del supporto su cui andremo a lavorare e a migliorare l’adesione tra il supporto e lo strato successivo. Il primer, quindi, ci consentirà di ottenere un effetto finale omogeneo.

Una volta trattato il fondo con il primer, sarà necessario procedere al trattamento della parete con malte, rasanti e prodotti di protezione, tenendo ben a mente tutti i diversi criteri di compatibilità chimica, fisica e meccanica.

Dopo avere proceduto all’applicazione di primer e rasante, si passerà alla scelta delle finiture. Una scelta che dovrà avvenire in base ai seguenti requisiti:  Condizioni del supporto (intonaco nuovo, vecchio, irregolare, friabile, assorbente, calcestruzzo liscio, scabro, trattato. Vecchia pittura o, rivestimento); tipologia di edificio (pluripiano, monofamiliare, industriale); giacitura dell’edificio (centro urbano, fascia costiera e zona umida, montagna); zona soggetta a inquinanti industriali,  esposizione e orientamento  Prestazioni attese (durata, prestazioni, aspetto estetico, colore).

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.