Codice degli Appalti: il contributo dei professionisti nell’ultima audizione

Dopo l’entrata in vigore del Nuovo Codice degli Appalti, con il Decreto Legislativo n.50 del 18 Aprile 2016, l’intero settore dei contratti pubblici sta attraversando una fase di profondo cambiamento.

Corso Gare Appalto

Valuta questo articolo

Codice degli Appalti: il contributo dei professionisti nell’ultima audizione Totale 5.00 / 5 3 Voti

Dopo l’entrata in vigore del Codice degli Appalti 2016, con il Decreto Legislativo n.50 del 18 Aprile 2016, l’intero settore dei contratti pubblici sta attraversando una fase di profondo cambiamento. Le Commissioni Lavori Pubblici di Camera e Senato hanno dato il via alle audizioni di associazioni di categoria, organizzazioni e professionisti del settore

Per attuare le nuove norme previste dal DL n.50 del 18 Aprile 2016 in materia di appalti, concessioni e contratti pubblici, sia l’ANAC, sia i Ministeri interessati stanno predisponendo i documenti di loro competenza. Le diverse questioni vengono poi sottoposte a pubblica consultazione, per raccogliere osservazioni e istanze da parte di tutti i soggetti interessati. A questo si aggiungono i contributi acquisiti dagli operatori del settore che verranno utilizzati per finalizzare le modifiche alle norme che saranno contenute nel Decreto correttivo.

A tal proposito, le Commissioni Lavori Pubblici di Camera e Senato hanno quindi avviato una indagine conoscitiva sullo stato di attivazione e sulle ipotesi di modifica della nuova disciplina in oggetto, al fine di monitorare l’avviamento dell’attuazione delle nuove norme ed evidenziare le criticità che rendano necessari eventuali miglioramenti al Codice degli appalti.

All’ultima audizione ha preso parte il Consigliere Nazionale CNGeGL Pasquale Salvatore, in qualità di rappresentante della Rete delle Professioni Tecniche, insieme ad altri componenti dell’associazione che riunisce le categorie professionali.

Fra i diversi temi affrontati, il Consigliere Salvatore ha focalizzato l’attenzione dei partecipanti sulle seguenti questioni:

  • il ruolo del RUP, per il quale, ha affermato il Consigliere Pasquale Salvatore, “si ribadisce l’inderogabile incompatibilità tra gli incarichi di progettazione, coordinamento della sicurezza, D.L. o collaudo e la funzione di verifica del progetto stesso attribuita al RUP, per evitare un vero e proprio conflitto di interessi”.

  • I giovani professionisti e i medio-piccoli operatori. Il Consigliere Salvatore ha sottolineato che “le categorie tecniche chiedono con fermezza il superamento dei limiti temporali per la comprovata esperienza, invitando a considerare il percorso professionale riferito all’intero periodo di attività   e/o alla specifica formazione professionale qualificata secondo standard riconosciuti”. Inoltre, per quanto riguarda il coinvolgimento dei giovani professionisti diplomati nei gruppi di progettazione, è stato ribadito che “nessuna disposizione all’interno del Codice stabilisce una differenziazione tra categorie professionali in relazione al grado di istruzione”.

  • l’attività delle Stazioni Appaltanti, per le quali, ha asserito Pasquale Salvatore, “i corrispettivi devono essere riferiti al DM 143/2013 e successive modifiche. Contestualmente, nel caso di appalti misti i corrispettivi relativi alla progettazione vanno liquidati direttamente al progettista”.

“In un’ottica di valorizzazione sia del lavoro dei pubblici dipendenti che di quello dei liberi professionisti” ha concluso il Consigliere Pasquale Salvatore “sarebbe opportuno, in fase di correttivo, destinare gli incentivi del 2% alle fasi di programmazione e controllo, riservando la progettazione, la cui centralità è stata fortemente ribadita dalla RPT, la direzione lavori e la sicurezza ad operatori esterni alla PA, dotati di una formazione maggiormente specializzata”.

Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.