Chiarimenti dell’inps sui lavori usuranti

L’inps ha emanato la direttiva con i chiarimenti per accedere al beneficio del prepensionamento

Valuta questo articolo

Chiarimenti dell’inps sui lavori usuranti Totale 5.00 / 5 2 Voti

Il 30 Dicembre 2014 l’inps ha emanato il messaggio n. 9963 con il quale vengono rese indicazioni circa l’accesso ai requisiti di pensionamento da parte dei lavoratori che sono impiegati in lavori “usuranti”.

Le richiesta per ottenere i benefici di da parte dell’inps, per coloro che si trovano impegnati in lavori usuranti, devono essere avanzate, entro il 1  marzo 2015 per chi matura il diritto alla pensione nel corso dello stesso anno 2015.

L’inps comunicherà successivamente l’accoglimento dell’istanza, entro il termine del 30 ottobre 2015.

Le tipologie di lavori usuranti si distinguono in due categorie:

– lavori faticosi e pesanti (lavoro in miniera, cave, in galleria, lavori in produzioni insalubri, altiforni, catene di montaggio,  addetti al trasporto collettivo su gomma o su rotaia o marittimo, o trasporto merci.

– lavoratori notturni con un minimo di 64 giornate annue con successivi scaglioni e fino ad arrivare all’intero anno.

Il riconoscimento, da parte dell’inps, del bonus di prepensionamento, e’ soggetto, pertanto, ai fini del positivo accoglimento della domanda, all’accertamento del possesso dei requisiti relativi allo svolgimento “reale” delle attività lavorative particolarmente faticose e pesanti.

Da segnalare, inoltre, come l’inps chiarisce, nel summenzionato Messaggio 9963, che la domanda di beneficio al prepensionamento non sostituisce quella di effettiva richiesta di accesso al pensionamento.

Le organizzazioni sindacali intanto si chiedono  se gli interventi di riforma pensionistica contenuti nella legge di stabilità 2015 giungeranno anche per i cosiddetti Quota 96 della scuola.

Le ultime news sulle pensioni dei Q96, purtroppo, non sono correlate a novità importanti dalle istituzioni o dalla classe politica; a fare notizia sono sempre i rappresentati del comitato Quota 96, che ora chiedono al Ministero dell’Istruzione di far partire un censimento per identificare l’attuale numero di Q96 rimasti, al fine, magari, di avviare un discorso serio sul riconoscimento del loro diritto alla pensione, diritto negato da un errore nella riforma pensioni Fornero.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.