Perché conviene sfruttare il bonus energia 2016 ?

Perché Approfittare del bonus energia 2016 ? Solo in Sardegna il settore dell’impiantistica termica da lavoro a quasi 6mila addetti.

Corso Energy Manager

Valuta questo articolo

Perché conviene sfruttare il bonus energia 2016 ? Totale 5.00 / 5 4 Voti

Perché bisogna approfittare del rifinanziamento del bonus energia 2016 ? Cerchiamo di comprendere meglio la situazione italiana esaminando il caso della Regione Sardegna. In Sardegna sono ancora troppe le case prive di isolamento termico ricadenti in classi energetiche dalle prestazioni scadenti; circa il 61,8% delle famiglie, infatti, risiede in abitazioni prive di intercapedini, cappotti esterni o interni. Ciò significa dispersione di calore in inverno ed accumulo di calore in estate, elevato uso dei sistemi di climatizzazione, e conseguente spreco di carburante o di energia elettrica.

Quindi, nell’isola ancora troppe case vecchie e poco coibentate. E’ questo il patrimonio immobiliare sardo che risulta dal dossier di Confartigianato sull’Isolamento termico e gli impianti di riscaldamento nell’isola.

“In queste giornate di persistente, e insolito, clima primaverile” afferma la Presidente di Confartigianato Imprese Sardegna, Maria Carmela Folchetti “le basse temperature sono ancora accettabili e quindi gli impianti di riscaldamento girano ancora al minimo”.

“Il problema si pone quando il caldo estivo diventa torrido e il freddo invernale di trasforma in gelo” continua la Presidente “allora lì si capisce quanto sia importante vivere in abitazioni sane e poco energivore”. “Con un piccolo investimento, la cui maggior parte viene recuperata tramite gli appena riconfermati bonus energia per il 2016 e bonus ristrutturazioni” riprende la Folchetti “è possibile tagliare la spesa per riscaldamento e raffrescamento e non inquinare l’ambiente”.

Quello del rifinanziamento dei 2 bonus energia 2016, è un intervento fortemente sollecitato da Confartigianato che coglie numerosi obiettivi come il rilancio delle imprese che si occupano di costruzioni e ristrutturazioni ma anche di riqualificazione del patrimonio immobiliare, del risparmio energetico, della difesa dell’ambiente e dell’emersione delle attività irregolari.

La Sardegna, con il 95,4% delle abitazioni dotate di sistemi di riscaldamento è la seconda regione italiana, dopo la Sicilia, con il minor numero di impianti. Di questi, ben il 58,9%  è costituito da apparecchi singoli fissi o portatili (stufe e pompe di calore indipendenti ndr); di conseguenza solo l’8,9% delle case è dotato di impianti centralizzati (come quelli nei condomini a gasolio o gpl ndr ) e il restante 32,2% ha impianti autonomi (a diffusione totale elettrico o gpl ndr).

La fonte di alimentazione degli impianti in Sardegna, non essendoci il metano, è per il 40,2% la biomassa (legna, pellet o energia prodotta dagli scarti di lavorazione ndr ). Seguono il GPL per il 21,1%, l’energia elettrica per il 19,7% e il gasolio per il 18,9%.

Il dossier illustrato nei giorni scorsi dalla presidente di Confartigianato Sardegna Imprese, mette in luce anche come il sistema dell’installazione di impianti in Sardegna (3.066 imprese con 5.988 addetti ndr ), abbia retto maggiormente alla crisi rispetto al resto delle altre regioni. Infatti, raffrontando i dati del 3° trimestre 2015 con quelli dello stesso periodo dell’anno scorso, si scopre che nell’isola il calo dello 0,9% è di molto inferiore a quello nazionale del -1,5%; ciò pone l’isola al 4°posto tra le regioni con la minore contrazione.

Tra le oltre 3mila imprese che trattano l’impiantistica infatti, 1.744 si occupano di installazione di impianti elettrici, 1.140 di idraulica, riscaldamento e aria condizionata e 152 di altri tipi di installazione. Tutte queste imprese costituiscono il 22,1% del settore edile .

“Purtroppo” sottolinea la Presidente “dobbiamo constatare che l’aumento delle tariffe energetiche, luce e gas in primis, scattato lo scorso ottobre pesa su famiglie e imprese che stanno continuando ad affrontare la difficile congiuntura economica”. “E’ pesante perché, l’aumento della spesa energetica in un momento come questo sta avendo un doppio effetto negativo, visto che da una parte riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie, e dall’altro aumenta anche i costi delle imprese, in particolare delle Pmi e delle artigiane. Occorre poi tenere conto che artigiani e piccole imprese italiane pagano l’energia elettrica il 34,2% in più rispetto ai loro colleghi europei”.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.