Settore ceramico in edilizia: il punto sull’applicazione dei software Bim Revit

Mercoledì 18 gennaio si è tenuto a Sassuolo il convegno “Bim Revit per una edilizia evoluta: i prodotti ceramici diventano smart”.

Corso Bim Revit

Valuta questo articolo

Settore ceramico in edilizia: il punto sull’applicazione dei software Bim Revit Totale 5.00 / 5 3 Voti

La Federazione Confindustria Ceramica e Laterizi ha organizzato l’evento con lo scopo di illustrare le infinite potenzialità del Building Information Modeling Bim Revit e, più in generale, della digitalizzazione delle costruzioni, individuando le opportunità da cogliere da parte sia delle imprese del settore ceramico che dei progettisti.

Il Dottor Enrico Lupi, dell’Area Economia di Confindustria Ceramica, ha moderato il convegno e, nell’introdurre i relatori, ha sottolineato come i software BIM revit sia volto ad illustrare le potenzialità della digitalizzazione del comparto edilizio e ceramico.

“I laterizi” afferma il dottor Lupi “hanno già fatto esperienza significative in tema BIM Revit, insieme alle ceramiche. Per quanto riguarda le piastrelle, le esportazioni pesano per quasi l’80% delle operazioni, su mercati nei quali questo approccio è già ampiamente utilizzato”.

Il convegno è stato aperto dal Professor Angelo Ciribini (Università di Brescia), che ha presentato il contesto normativo internazionale di riferimento, analizzando il vero tema, cioè quello della digitalizzazione della filiera produttiva in edilizia.

“Da un punto di vista internazionale, l’Europa rivolge massima attenzione alla digitalizzazione. Ne è prova CEN/Comitato tecnico 442 dedicato al BIM revit, trainati da Regno Unito e Francia, allo scopo di aggiornare l’assetto organizzativo del mercato internazionale”.

Il Professor Alberto Pavan (docente presso il Politecnico di Milano) ha sottolineato poi come il mercato digitale, in realtà, non sia più una possibilità di scelta. Il BIM e le tecnologie Bim Revit, sono una metodologia di simulazione del processo costruttivo, che rende facilmente fruibile la raccolta di informazioni sui materiali. Un procedimento che per essere padroneggiato al meglio richiede spesso la frequenza di un corso di formazione professionale in Bim revit.

“Se si pensa alle possibili implicazioni dell’utilizzo corrente di questa tecnologia, si potrebbe arrivare ad assumere che un oggetto grafico digitale diventi fondamentale per la sicurezza degli edifici (ad esempio, alla scadenza della vita di un materiale, sarebbe possibile inviare una segnalazione automatica per la sua sostituzione)”.

Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.