Al via il Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana delle periferie italiane

Riqualificazione urbana delle città: pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 1 giugno 2016 il decreto che da il via alla procedura di presentazione dei progetti di riqualificazione urbanistica

Riuso Urbano

Valuta questo articolo

Al via il Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana delle periferie italiane Totale 5.00 / 5 2 Voti

Con il DPCM 25 maggio 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 1 giugno 2016 n. 127, è stato approvato il bando con il quale sono definiti le modalità e la procedura di presentazione dei progetti per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane, dei comuni capoluogo di provincia e della città di Aosta. Una misura strategico operativa, più volte descritta dal Governo come fondamentale nei progetti di riqualificazione urbana che dovranno (almeno cosi sperano esecutivo governativo, urbanisti, pianificatori, paesaggisti, architetti in genere, ma non solo ndr) interessare tutta la penisola.

L’adempimento, che deriva da quanto sancito nella Legge di stabilità 2016 (art. 1, comma 974) ha reso possibile l’approvazione del bando per i programmi di riqualificazione urbana, con il quale sono definiti le modalità e la procedura di presentazione dei progetti per la riqualificazione urbanistica e la messa sicurezza delle periferie delle città metropolitane, dei comuni capoluogo di provincia e della città di Aosta; la documentazione che gli enti interessati devono allegare ai progetti; il relativo cronoprogramma di attuazione e i criteri per la valutazione dei progetti.

I progetti di rigenerazione urbana verranno presentati dagli Enti locali predetti, da attuarsi senza ulteriore consumo di suolo, e potranno riguardare progetti di miglioramento della qualità del decoro urbano, progetti di manutenzione, riuso urbano e ri-funzionalizzazione di aree pubbliche e di strutture edilizie esistenti, per finalità di interesse pubblico, progetti rivolti all’accrescimento della sicurezza territoriale e della capacità di resilienza urbana, progetti per il potenziamento delle prestazioni e dei servizi di scala urbana, progetti per la mobilità sostenibile e l’adeguamento delle infrastrutture destinate ai servizi sociali e culturali, educativi e didattici.

A fronte delle domande firmate dal sindaco della città metropolitana, del comune capoluogo di provincia o della città di Aosta, verrà effettuata una valutazione dei progetti da parte di un Nucleo tecnico, selezionato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che si avvarrà una segreteria tecnica ed eventualmente del supporto di enti pubblici o privati, ovvero di esperti dotati di specifiche competenze. A fronte della analisi dei progetti di tale organismo, verranno poi individuati i progetti da inserire nel Programma ufficiale, ai fini della stipulazione di convenzioni o accordi di programma con gli enti promotori dei progetti medesimi.

“Il bando” affermano gli organi stampa del Governo “appare come un’importante occasione di riprogettare in modo strategico la trasformazione urbanistica delle principali città italiane, essendo una opportunità per progetti capaci di poter riqualificare il territorio”.

Per eventuali maggiori informazioni è possibile contattare la d.ssa Valentina Tucci, responsabile unico del procedimento, al seguente numero di telefono: 06 67793786. Eventuali quesiti di carattere tecnico da parte dei Comuni interessati potranno inoltre essere inviati esclusivamente a mezzo mail all’indirizzo periferie@governo.it. La risposta a tali quesiti sarà pubblicata nella sezione FAQ del sito ufficiale del Governo Italiano relativa al bando.

Corsi Crediti Geometri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.