All News #24 – Riduzione contributiva edilizia, Congedo parentale e Fatture insolute

Il dramma della fatture insolute al centro della ventiquattresima puntata stagionale di Unione Professionisti All News...

Valuta questo articolo

All News #24 – Riduzione contributiva edilizia, Congedo parentale e Fatture insolute Totale 5.00 / 5 1 Voti

Il dramma della fatture insolute al centro della ventiquattresima puntata stagionale di Unione Professionisti All News.  Un vero e proprio dramma sociale che secondo recenti studi affligge circa il 70 % dei liberi professionisti italiani. Una puntata numero 24 che si apre con un interessante approfondimento dedicato al mondo dell’edilizia e del fisco. La news, già nell’aria da tempo riguarda la riduzione contributiva in edilizia per il 2016. Per quest’anno la riduzione sarà nell’ordine dell’11,50%.

Infine Congedo parentale ad ore. Come e perche richiederlo. Tutti i consigli per non farsi trovare impreparati spiegati dai nostri esperti.

L’INPS con il messaggio numero 3358 del 10 Agosto scorso ha fornito precise indicazioni sulla riduzione contributiva per il settore dell’edilizia. L’Istituto specifica che anche per l’anno 2016 la riduzione contributiva riservata al settore dell’edilizia è dell’11,50%. Viene altresì specificato che le richieste per la contribuzione devono essere inviate a partire dallo scorso 1 Settembre esclusivamente mezzo telematico, utilizzando un apposito modulo. Entro il giorno successivo all’inoltro della richiesta sarà effettuato il controllo formale, con conseguente comunicazione di esito positivo o negativo della domanda.

La riduzione contributiva in edilizia dell’11,50% si applica ai periodi di paga da Gennaio a Dicembre 2016. Inps precisa infine che la riduzione contributiva in edilizia potrebbe essere rivista al ribasso un secondo momento.

Come e dove presentare la domanda di congedo parentale? La domanda di congedo parentale a ore deve essere presentata all’INPS mediante specifica procedura telematica per ogni singolo mese solare. Se necessario, dunque, bisogna presentare una domanda per ogni periodo che ricade in un diverso mese solare. Come chiarito dalla circolare dell’INPS n. 152/2015, nel modulo deve essere indicato il Ccnl studi professionali di riferimento e il numero di giornate intere di congedo parentale da fruire in modalità oraria.

La procedura prevede infatti che il totale delle ore di congedo richieste sia calcolato in giornate lavorative intere. Per ogni mese di congedo parentale, sono attribuite al dipendente 174 ore, che possono essere cumulate, anche nell’ambito della stessa giornata, con altri riposi e permessi previsti dalla legge o dalCcnl studi professionali, ma non con i permessi o riposi disciplinati dal T.U maternità/paternità.

Il 70% delle piccole e medie imprese e dei liberi professionisti italiani hanno problemi di fatture insolute. Lo rileva un’indagine su scala nazionale commissionata da DAS Italia. La percentuale sale fino all’84% per le aziende più grandi, con una concentrazione delle criticità nel settore commercio (87,6%) e nelle realtà del Sud Italia (81%).

“La tutela per vertenze di natura contrattuale e in particolare per il recupero dei crediti e delle fatture insolute” racconta Roberto Grasso, direttore generale e amministratore di DAS Italia “è da sempre tra le garanzie più richieste dai nostri clienti del mondo business. Nel 2009 abbiamo istituito un ufficio interno specializzato nelle fasi stragiudiziali del recupero crediti, consentendo alle nostre aziende clienti di recuperare oltre 20 milioni di euro. In molti casi” prosegue Grasso “le vertenze sono state definite bonariamente in tempi rapidi, senza dover affrontare il lungo e intricato iter del tribunale”.


Tutti I Corsi
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee.
“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile” P.R.