Agli italiani piace l’ e-commerce

Continua la crescita dell’e-commerce in Italia: +17% nel 2014 e il valore delle vendite raggiunge quota 13,3 miliardi di euro.

Valuta questo articolo

Agli italiani piace l’ e-commerce Totale 5.00 / 5 2 Voti

Raddoppiano le vendite via Smartphone e raggiungono, assieme a quelle effettuate via Tablet, incidono ora per il 20% sul totale dell’ e-commerce.

Le Dot Com e le transazione legate all’ e-commerce crescono ad un ritmo più elevato rispetto alle imprese tradizionali, che non sempre interpretano in maniera adeguata il canale online. Le imprese digitali “pesano” oggi per il 54% sul valore totale delle vendite online e, se consideriamo solo i prodotti escludendo i servizi, la loro quota sale al 70%.

Tra i settori che hanno registrato gli incrementi più elevati ci sono l’Editoria, con un +34% in netta controtendenza rispetto all’editoria cartacea, Informatica ed elettronica di consumo che si attestano su un +31%,  e Abbigliamento  che non sente la crisi e si conferma su un più che positivo +25%.

Agli italiani piace l’e-commerce via Smartphone: +100% nel 2014

Mentre gli operatori tradizionali mostrano un approccio poco convinto a una strategia multicanale basata sull’e-commerce, le startup native e-commerce sono in fermento, cosi anche l’advertising attraverso il sistema Mobile.

Il valore dell’e-commerce passa infatti  dal 2,6 al 3,5% del totale vendite retail e cresce significativamente la penetrazione in diversi settori merceologici: nell’Editoria dal 4 al 7%, nell’Informatica dal 7,5 al 10,5% e nell’Abbigliamento dal 2,9 a quasi il 4%.

In Italia l’ e-commerce è sempre più appannaggio delle Dot Com  straniere ( Amazon, Booking.com, eBay, Expedia, Privalia ), ma anche italiane (ad esempio Banzai e YOOX Group).

Un settore di mercato che complessivamente vale per il 54% delle vendite.

Questa percentuale, non negativa di per sé, mette però in luce le debolezze degli operatori tradizionali, che ancora stentano a interpretare l’online come un reale canale alternativo e che per questo non riescono a giocare un ruolo da protagonisti come è invece avvenuto in molti mercati occidentali.

Corsi Crediti Ingegneri
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.