Accatastamento ex fabbricati rurali: per i geometri un importante opportunità lavorativa da cogliere.

Le evoluzioni relative al processo di accatastamento ex fabbricati rurali e variazioni culturali non denunciate, avviato dall’Agenzia delle Entrate

Valuta questo articolo

Accatastamento ex fabbricati rurali: per i geometri un importante opportunità lavorativa da cogliere. Totale 5.00 / 5 2 Voti

“Caro Collega, desidero informarti delle evoluzioni relative al processo di accatastamento ex fabbricati rurali e variazioni colturali non denunciate avviato dall’Agenzia delle Entrate, oggetto della comunicazione a tutti gli iscritti inviata in data 16 maggio 2017” cosi si è espresso Maurizio Savoncelli, presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati in una recente lettera aperta indirizzata a tutti gli iscritti al CNGeGL.

Cosa prevedono le evoluzioni relative al processo di accatastamento ex fabbricati rurali e variazioni culturali cosi comunicato da Maurizio Savoncelli!

  • dopo aver proceduto ad una operazione di affinamento delle informazioni, l’Agenzia delle Entrate ha fissato in circa 875.000 il numero dei fabbricati rurali, o loro porzioni, tuttora censiti nel Catasto Terreni invece che in quello Edilizio Urbano;

  • è stato dato il “via libera” all’invio, da parte degli Uffici Provinciali dell’Agenzia delle Entrate, delle lettere di sollecito ai relativi proprietari e titolari di diritti reali affinché assolvano all’obbligo di presentare la dichiarazione di aggiornamento ai sensi dell’art. 13 del dl 201/2011, con l’ausilio di un tecnico abilitato: il primo lotto è già partito, altri seguiranno nei prossimi giorni;

  • contestualmente all’invio delle lettere, saranno avviate le azioni di controllo sulle caratteristiche degli immobili rurali presenti sul territorio.

Rimangono invece ferme le indicazioni su accatastamento ex fabbricati rurali e variazioni culturali secondo le quali:

  • e la dichiarazione di aggiornamento catastale non è ancora stata presentata, è ancora possibile inviarla usufruendo dell’istituto del ravvedimento operoso, beneficiando di una significativa riduzione delle sanzioni dovute per la tardiva dichiarazione (1/6 del minimo);

  • per beneficiare delle agevolazioni previste dall’istituto del ravvedimento operoso, è necessario presentare la dichiarazione di aggiornamento prima della ricezione dell’accertamento della omessa dichiarazione.

Va da sé che, a fronte dell’immediatezza delle operazioni di invio delle lettere di sollecito e di controllo sugli immobili rurali, la parola d’ordine per i geometri è tempestività, riferita: alla capacità di proporsi ai potenziali clienti quali tecnici abilitati all’accatastamento degli immobili suddetti, informando in maniera corretta circa i benefici conseguenti al ravvedimento operoso; all’opportunità di adempiere in tempo reale alla prestazione professionale nell’ipotesi di conferimento dell’incarico; infatti, solo l’attivazione immediata delle procedure previste consente al geometra di evitare che la dichiarazione venga presentata dopo la ricezione degli esiti dell’accertamento, vanificando così i benefici legati al ravvedimento operoso ed esponendosi al rischio di eventuali contestazioni da parte del committente.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.