Competenze professionali ingegneri: a Molfetta scoppia il caso Bitonto Bis

Un bando per la progettazione di parchi e giardini indetto dal Comune di Molfetta rinnova la polemica sulle competenze professionali ingegneri

Riuso Urbano

Valuta questo articolo

Competenze professionali ingegneri: a Molfetta scoppia il caso Bitonto Bis Totale 5.00 / 5 3 Voti

Competenze professionali ingegneri: a Molfetta scoppia il caso Bitonto Bis. L’eco della polemica relativa all’affidamento della redazione del piano urbanistico generale del comune di Bitonto al Politecnico di Bari, escludendo perciò gli architetti da una gara pubblica, non è ancora sopita, che già in Puglia, all’ombra degli ulivi, scoppia il caso Molfetta. Ad andare sulle barricate questa volta è stato l’Ordine degli ingegneri della Provincia di Bari.  Il casus belli ? L’esclusione degli ingegneri dalla gara pubblica indetta dal comune pugliese per la progettazione parchi e giardini dell’area attrezzata a parco urbano di Mezzogiorno “Baden Powell”.

“Oggetto Progettazione parchi e giardini: avviso pubblico per la progettazione della riqualificazione e ri-funzionalizzazione dell’area attrezzata a parco urbano di Mezzogiorno “Baden Powell”. Con riferimento alla procedura in oggetto, si segnala che all’art. 3.3.2 del Bando ed all’art. 4 del Disciplinare si richiede: “All’interno del gruppo di lavoro devono essere garantite (ed indicate) le seguenti figure professionali: – Un architetto, esperto in progettazione di parchi e giardini e verde pubblico urbano; Omissis…”.

Sono queste le righe che hanno fatto infuriare gli ingegneri della Provincia di Bari. Secondo la nota stampa degli ingegneri baresi infatti, diffusa alle principali testate giornalistiche della penisola, nel bando del comune di Molfetta sarebbe “del tutto evidente che una tale richiesta risulti essere discriminatoria della categoria dell’ingegnere e delle competenze professionali ingegneri, atteso che le prestazioni professionali inerenti la progettazione di parchi e verde pubblico urbano non sono riservate alla esclusiva competenza degli architetti, bensì possono essere curate tanto dagli architetti quanto dagli ingegneri”.

Su quale principio normativo e di legge si fondano le proteste dell’Ordine degli Ingegneri di Bari per l’esclusione dalla gara per la progettazione di parchi e giardini bandita dal Comune di Molfetta? Quali risvolti avranno sulle competenze professionali ingegneri?

Secondo gli ingegneri baresi, sarebbe da ritenere pienamente in vigore la ripartizione di competenze professionali ingegneri e architetti prevista dagli articoli 51 e 52 del regio decreto del 23 ottobre 1925. In particolare vengono riservate alla competenza comune di architetti e ingegneri le opere di edilizia civile, mentre si attribuiscono alla competenza generale degli ingegneri quelle concernenti le costruzioni stradali, le opere igienico sanitarie, gli impianti elettrici, le opere idrauliche, le operazioni di estimo, l’estrazione di materiali, le opere industriali. Viene affidata ai soli architetti la competenza in ordine alla progettazione delle opere civili che presentino rilevanti caratteri artistici e monumentali”.

Motivi che hanno portato l’OIBA ha richiedere l’avvio di sospensione della procedura di gara pubblica per correggere l’anomalia che renderebbe appunto la gara illegittima.

Corsi Crediti Architetti
Mauro Melis

Giornalista, Fotoreporter, Copywriter, Blogger, Web Writer, Addetto Stampa per giornali, riviste, enti pubblici e blog aziendali. Provo a descrivere il loro mondo e le loro storie, le loro passioni e le loro idee. "Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile" P.R.